Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

mitologia

Gandolfo Quercia presenta “Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre - Libro II: Il mistero di Malasar”

Lo scrittore fanese Gandolfo Quercia (nome d’arte di Giovanni Dormicchi) presenta “Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre - Libro II: Il mistero di Malasar”, la continuazione delle peripezie del prode arciere Giovanni, conosciuto nel primo volume della dilogia “La cintura della potenza”. Un romanzo storico-fantastico narrato con un linguaggio a metà strada tra l’epico e il colloquiale, condito con una buona dose di ironia; un’opera citazionista e avventurosa da un giovane autore che ha saputo creare un universo originale e un personaggio unico nel suo genere.

 

Titolo: Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre - Libro II: Il mistero di Malasar

Autore: Gandolfo Quercia

Genere: Storico-Fantastico

Casa Editrice: Casa Editrice Kimerik

Collana: Kimera

Pagine: 136

Prezzo: 14,00 €

Codice ISBN: 978-88-5516-032-2

 

«Da oggi in poi mi chiamerete Giovanni II. E questa è la nostra identità. Verde come il panorama delle nostre colline. Bianco è la Pace che vorremmo senza compromessi e sottomissioni varie. Nero come la parte della Vita di ognuno di noi nel momento di crisi esistenziale. Giallo è l’Anima che noi, anche quando tutto sembrerà perduto, non venderemo a nessun Signor Oscuro […]».

“Benedici questo scritto che io rinvenni sotto la ferrea croce dei verdi colli devoti a San Biagio”: questa frase è parte del proemio del romanzo La cintura della potenza, il primo volume de Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre, una dilogia di genere fantastico ambientata a Fano e nel Nord Italia in un mondo parallelo al periodo dell’Impero Romano tra il 359-361 d.C. Con l’antico espediente letterario del “manoscritto ritrovato” lo scrittore Gandolfo Quercia finge di non essere lui l’autore della storia raccontata ma di averla rinvenuta in un misterioso testo, scritto in tempi remoti con un arcano linguaggio, consegnato a lui dalle astute mani del Fato. E nel romanzo Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre - Libro II: Il mistero di Malasar l’autore riprende la straordinaria avventura di Giovanni, conosciuto a seconda delle evenienze come Ammazzavelocisti, Salvatore del Titano o Giovodromo, e dei fedeli amici al seguito dell’esercito della Nazione di Fano. Il viaggio si apre sull’ennesima “fatica” di Giovanni, la lotta con il grifone Neda, per poi spostarsi geograficamente sempre più verso nord, da Genova a Torino, dalla Valle D’Aosta alle gelide e misteriose terre di Bolzano. Tra sacro e profano, tra rimandi alla mitologia greca e romana e incursioni originali nella cultura pop, Gandolfo Quercia costruisce una storia che coniuga magia ed eroismo, forza fisica e abilità logiche. E soprattutto racconta una vicenda che parla del potere inesauribile dell’amicizia, della tolleranza tra persone di culture e religioni differenti, e del grande valore della resilienza. Giovanni è un giovane eroe che si scontra ogni giorno con i suoi dubbi e le sue fragilità, ma che non smette mai di lottare per sé stesso e soprattutto per gli altri. Un ragazzo come tanti che si trova a diventare l’unica speranza per il proprio popolo, e che decide con grande forza d’animo di abbandonare la propria vita e i propri desideri per mettersi al servizio di un bene superiore. E riproponendo l’epica quanto attuale lotta tra luce e oscurità, si arriva alla solenne sfida finale sul monte Zanato, dove Giovanni e Malasar definiranno il nuovo corso della Storia.

 

TRAMA LIBRO I E LIBRO II. Giovanni è un giovane uomo di campagna, un abile e preciso arciere, con una corsa assai rapida, ma soprattutto un guerriero dall’animo grintoso, che desidera solamente fare del bene alla gente che incontra ogni giorno. Ma all’improvviso qualcosa di oscuro irrompe nelle tranquille vite del popolo fanese e di tutte le altre popolazioni d’Italia. Un malvagio monarca, Malasar, che governava nell’attuale Pianura Padana, oltrepassa le proprie frontiere assieme al suo esercito, i Tagliastrade, con l’intento di conquistare la terra di San Marino, e poter poi lanciare un tempestoso assalto alle città sulle coste bagnate dal Mare di Adria. Il Re Giovanni I della Terra di Giovannia ha quindi una brillante idea per sconfiggere una volta per tutte lo spietato tiranno del regno di Scorciatoia. Il monarca devoto alla Fortuna comprende però che per attuare lo stratagemma ha bisogno dell’aiuto del giovane arciere dal suo stesso nome e dall’animo puro e coraggioso. Giovanni accetta l’incarico e parte quindi per un viaggio di liberazione con l’esercito della Nazione di Fano che lo condurrà fino al regno di Tania, la Regina delle Regine, che vive nell’estremo nord. Sulla perigliosa strada si presenterà a re e regine nelle città in cui la fanese armata si fermerà, e riceverà da essi doni preziosi che lo aiuteranno nel proseguimento del faticoso cammino ma soprattutto a crescere di ingegno e saggezza. Inoltre il temuto podista conoscerà nuovi amici provenienti da mondi e culture a lui sconosciuti che saranno al suo fianco nel momento del bisogno, soprattutto quando il combattivo arciere verrà sottoposto ad una serie di prove di forza e di intelligenza. 

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

BIOGRAFIA. Gandolfo Quercia, pseudonimo di Giovanni Dormicchi, nasce a Fano (PU) il 24 Ottobre 1997. Oltre al ciclo de “Le Giovanneidi” è anche autore della canzone “World Cup”, con cui ha esordito nel mondo della musica raggiungendo le 510.240 views su YouTube durante i mondiali di calcio di Russia 2018. La canzone esprime una sottile critica nei confronti della mancata qualificazione dell’Italia a quel torneo. Le sue passioni più grandi sono i viaggi, il calcio, il tiro con l’arco, il podismo, la musica, il buon cibo e lo scrivere.

 

 

Contatti

 

Booktrailer Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre - Libro I: La cintura della potenza

 

Link di vendita

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: https://iltaccuinoufficiostampa.com/

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Data di Pubblicazione: 28 gennaio 2020
Categoria: Libri & Editoria
Argomenti: Le Giovanneidi. Giovanni e la terra delle sei pietre - Libro II: Il mistero di Malasar, Gandolfo Quercia, romanzo, Kimerik, scrittore, libri, fantasy storico, eroismo, resilienza, coraggio, mitologia, Il Taccuino ufficio stampa, ufficio stampa

F. Vanessa Arcadipane presenta la saga dark fantasy “Inferorum Gemmae”

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

 

Inferorum Gemmae Saga di F. Vanessa Arcadipane

La scrittrice siciliana F. Vanessa Arcadipane presenta l’opera in tre volumi “Inferorum Gemmae Saga”, un fantasy dalle tinte dark in cui si ripropongono figure e simboli derivanti dai racconti biblici e rielaborati dalla fervida fantasia dell’autrice. Una saga appassionante che fa riferimento al folklore giapponese, e in cui si ritrovano echi danteschi e miltoniani per raccontare di creature demoniache e angeliche in perenne lotta tra loro per l’anima dell’essere umano. La protagonista di questa storia, Lilith, diventerà il precario punto di equilibrio che permetterà alle due fazioni di convivere, e di non distruggersi.

 

Titolo: Inferorum Gemmae Saga

Autore: F. Vanessa Arcadipane

Genere: Dark Fantasy/Young Adult

Casa Editrice: Self-publishing

Pagine: Vol I 544; Vol II 560; Vol III 544

Prezzo: Vol I 16,90€; Vol II 17,50€; Vol III 16,90€

 

 

«La realtà è che non amiamo né il Bene, né il Male, amiamo quel continuo gioco di luci e ombre, quelle mescolanze chiaroscurali che ci circondano. I libri vengono scritti con inchiostro nero su carta bianca; il momento più bello della giornata è il tramonto, quando già la luna è alta nel cielo ma il sole rimane lì ad osservarla quasi come se le stesse dando un ultimo addio... e così tante altre cose. Cos'è il Male senza Bene e cos'è il Bene senza Male? Cos'è l'odio senza amore e cos'è l'amore senza odio? Sarebbe solo una vita fredda, immobile e monotona che non avrebbe neanche senso vivere […]».

Inferorum Gemmae Saga di F. Vanessa Arcadipane racconta la storia di Lilith, una giovane ragazza dal nome importante e significativo: nella mitologia ebraica ella fu la prima donna creata per essere moglie di Adamo, poi ripudiata per la più mite Eva e cacciata dal Paradiso per essersi rifiutata di obbedire al consorte. Un simbolo forte di resistenza femminile, che nell’opera viene ricordato in più di un personaggio: Lilith è infatti il nome della protagonista ma anche di una donna fondamentale per la sua storia. La giovane Lilith o come verrà poi chiamata “Diamante Nero” o “Regina degli Inferi” o ancora “Guardiana dell’Equilibrio” è una ragazza come tante, prima di vedere completamente stravolto il proprio destino. Lilith la Rossa è invece proprio la trasfigurazione della prima donna biblica, cacciata dal Paradiso e attratta dalle seduzioni dell’Inferno, innamorata perdutamente dell’angelo caduto Lucifero e costretta a vagare nei regni senza la possibilità di stare con il suo amato, con la scomoda immortalità a ricordarle la sua solitudine. Questa è una storia di donne resilienti, di amori passionali, di colpe ataviche e di inesauribile desiderio di sangue; una storia di angeli e demoni, portatori di visioni antitetiche che hanno bisogno di un equilibrio per continuare a convivere. Perché il bene e il male sono solo lati della stessa medaglia, sono entrambi necessari affinché l’uno possa vivere in ragione dell’esistenza dell’altro, affinché l’essere umano possa avere sempre facoltà di scegliere il proprio cammino nella luce o nelle tenebre. La giovane Lilith scopre di appartenere alla stirpe nobile degli angeli, ma nel primo volume sceglie la difficile quanto seducente via della dannazione, che per lei coincide con quella dell’amore: “voglio il suo odore, voglio inebriarmi, voglio il fuoco nei miei polmoni, voglio bruciarmi, voglio farmi male”, afferma nell’opera, riferita al giovane figlio di Lucifero e Principe delle Tenebre, Lucio. Un amore contrastato e proibito, quello di Lilith e Lucio, che ripercorre le tappe di quello vissuto da Lilith la Rossa e Lucifero, anime complementari che sono l’una veleno e antidoto dell’altro. Due storie d’amore impossibili che il lettore vive nel secondo volume della saga attraverso l’alternanza di passato e presente; due vicende segnate da profezie infauste e da un oscuro potere che controlla le vite di tutti. Tanti segreti verranno svelati, tanto sangue verrà versato e altrettanto verrà risparmiato in nome della forza più potente che esiste: l’amore. Una forza che, accettata o rifiutata, spinge nel terzo volume i protagonisti e gli antagonisti a combattersi fino all’ultimo respiro, e che guida entrambe le Lilith verso un punto di non ritorno. “Mai innamorarsi di un Re delle Tenebre, se non si vuole annegare in esse”: è una frase ricorrente nel corso dell’opera che racchiude l’essenza delle storie delle due donne, che avranno il coraggio di nuotare nell’oscurità, e di rimanere eroicamente a galla.

 

 

TRAMA.

Diamante nero. Lilith è una diciassettenne che studia e vive in un illustre collegio, Rovoscuro, protetta dal direttore nonché padre adottivo. La sua vita rispecchia in pieno quella di qualsiasi altra ragazza della sua età fino all'arrivo di Lucio, un nuovo compagno di classe, che cattura immediatamente la sua attenzione non solo per l'aspetto fuori dal comune ma soprattutto per la strana sensazione di angoscia che le provoca fin da subito. La notte del suo diciottesimo compleanno Lilith scopre una terribile verità legata alle sue origini: ella infatti è il “Diamante nero”, un angelo offerto in sacrificio ogni cento anni al popolo dei demoni, a cui proprio Lucio appartiene. Rapita da quest'ultimo e portata negli Inferi, la ragazza fa la conoscenza del perfido e meschino re Lucifero, padre di Lucio, che con un antico rituale scopre le angeliche origini nobili di Lilith. La guerra è però alle porte e anche gli angeli dichiarano il loro diritto sulla ragazza, rapendola a loro volta per portarla in Paradiso. Qui Lilith incontra Michele, re degli angeli, e il giovane figlio Mihael, rivale fin dalla nascita di Lucio e con il quale la giovane instaura un ottimo rapporto. Durante lo scontro tra le due fazioni Lilith si trova costretta a scegliere di schierarsi con uno dei due giovani, destinati inevitabilmente a un combattimento mortale. Lilith dovrà quindi decidere una volta per tutte il proprio destino.

 

Rubino rosso. La fuggiasca e il ribelle. Lilith La Mora, Diamante nero e seconda regina degli Inferi, si trova ad affrontare la nuova difficoltosa vita da regnante tra i continui sbalzi di umore di Lucio, dovuti alla difficoltà nel gestire il Bastone della Conoscenza del padre. Durante una delle cerimonie formali che obbligano angeli e demoni a ritrovarsi in un luogo neutrale senza armi, Lilith La Rossa, prima regina degli Inferi e madre di Lucio, viene colpita quasi mortalmente da qualcuno; nonostante le continue domande di Lucifero la donna non rivela il nome dell'assalitore ma comincia a vagare per gli Inferi in cerca di alcune misteriose mappe con l'aiuto del Diamante nero. Il rapporto tra le due si consolida sempre più, tanto da spingere la più giovane a fare domande sul misterioso passato dell'altra e sul suo rapporto con Lucifero, adesso gelido e quasi inesistente. La Rossa le svela che è una Viandante del Tempo e che può mostrarle il suo passato così da poter insegnare questa tecnica anche a lei. La trama si alterna tra passato e presente svelando le similitudini tra le storie delle due Lilith, e raccontando il viaggio che intraprendono insieme al demone Fiammetta per indagare sull’identità dell’assalitore di Lilith la Rossa.

 

Rubino rosso. La condanna del caduto. Dopo un lungo viaggio, Fiammetta, Lilith La Rossa e il Diamante nero si ritrovano in un villaggio abitato sia da angeli che da demoni; esso fu creato tempo prima proprio dalla Rossa per permettere a gente come lei, esiliati, fuggiaschi o chiunque avesse bisogno di un riparo lontano sia dagli Inferi che dal Paradiso, di vivere in pace in un luogo che potesse accoglierli. Il Diamante nero apprende tramite uno dei suoi viaggi nel passato il motivo per cui Lucifero continua a mantenere le distanze dalla Rossa. Ritornati negli Inferi, Lilith La Mora cerca di convincere Lucifero a riavvicinarsi alla Rossa e a non bandirla dal regno ancora una volta, ma viene a sapere dal demone stesso di un antico e distruttivo patto che glielo impedisce. Riusciranno gli sfortunati amanti a stare finalmente insieme e a dare speranza anche a Lilith la Mora e Lucio?

 

 

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

BIOGRAFIA. F. Vanessa Arcadipane è un'autrice di Palma di Montechiaro, città del Gattopardo, nel sud della Sicilia. Amante del fantasy, della mitologia, dell'occulto e di anime giapponesi, scrive il suo primo romanzo su Wattpad, una piattaforma online di scrittura grazie alla quale conquisterà numerosi giovani lettori in tutta Italia. Lavorerà un anno dopo all'autopubblicazione cartacea del romanzo, diventato il primo della saga “Inferorum Gemmae”, divisa in: “Diamante nero” (2016), “Rubino rosso – La fuggiasca e il ribelle” (2018), “Rubino rosso II – La condanna del caduto” (2019) e “Zaffiro Blu” (prossimo alla pubblicazione). Il suo percorso da scrittrice la vede protagonista di raduni in giro per l'Italia; è inoltre vincitrice del “Premio Villa Hauser” in occasione della Giornata Mondiale Unesco 2017 per la diversità culturale, il dialogo e lo sviluppo e del “Premio alla Cultura 2017” a cura del Sovrano Ordine Monastico Militare dei Cavalieri Templari Federiciani. Le sue opere contano più di dieci milioni di letture su Wattpad e diciassette mila seguaci.

 

 

Contatti

https://www.facebook.com/I.G.Saga.Diamante.Nero/

www.diamante-nero.com

https://www.instagram.com/f_vanessa_arcadipane/?hl=it

 

Booktrailer

https://www.youtube.com/watch?v=j7lCWGy6uiI

 

Link di vendita

https://www.amazon.it/Diamante-nero-Inferorum-gemmae-saga/

https://www.amazon.it/Rubino-rosso-fuggiasca-ribelle-Inferorum/

https://www.amazon.it/condanna-caduto-Rubino-rosso-Inferorum/

 

 

 

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Data di Pubblicazione: 7 novembre 2019
Categoria: Libri & Editoria
Argomenti: Inferorum Gemmae, F. Vanessa Arcadipane, saga, self-publishing, scrittore, libri, dark fantasy, mitologia, folklore giapponese, angeli, demoni, Il Taccuino ufficio stampa, ufficio stampa