Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

incubi

Carlotta Amerio presenta il romanzo “Al limite del sogno”

La scrittrice torinese Carlotta Amerio presenta “Al limite del sogno”, il racconto della dolorosa spirale discendente di una ragazza tormentata da incubi spaventosi che la confondono e che prendono il posto della sua realtà. La protagonista Giulia dovrà affrontare il più terribile dei nemici: la parte oscura di sé stessa, quella seppellita in un luogo recondito dell’anima e lì dimenticata, finché il passato decide di scavare e far riemergere il rimosso. Una storia cruda e decadente da una giovane autrice che ha ricevuto una menzione speciale ai Premi Internazionali Mario Luzi e Salvatore Quasimodo.

 

Titolo: Al limite del sogno

Autore: Carlotta Amerio

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: 96 rue de-La-Fontaine Edizioni

Collana: Il lato inesplorato

Pagine: 192

Prezzo: 14,00 €

Codice ISBN: 978-88-9399-003-5

 

«Ogni singola notte mi ritrovavo a combattere contro i miei demoni. Mi aggiravo sul luogo del delitto e mi affannavo a cercare una risposta ai miei perché. Ero ormai convinta che si trattasse di una specie di missione del cui scopo ero però ancora all’oscuro. Avevo incominciato a rovistare nei cassetti, a spostare gli oggetti. Una volta, avevo addirittura sfiorato i corpi ancora tiepidi, per capire se quel che mi circondava fosse reale. Ma, se quello era reale, cos’era quello che vivevo tutti i giorni? […]».

Al limite del sogno di Carlotta Amerio è un romanzo psicologico che cattura e avvolge, che inquieta e stupisce. È la storia di Giulia, un personaggio a volte indecifrabile e misterioso come lo sono gli incubi troppo reali che tormentano le sue notti. Giovane studentessa universitaria, Giulia appare all’inizio come tutte le ragazze della sua età, allegra e piena di vita, finché il tono e l’atmosfera del romanzo cambiano, rivelando una storia complessa e oscura. Carlotta Amerio riesce abilmente a confondere il lettore stuzzicando allo stesso tempo la sua curiosità; con una scrittura scorrevole e vivida lo conduce per mano nei corridoi labirintici delle ossessioni umane, dei ricordi rimossi, delle catarsi violente. E il lettore non può che rimanere affascinato da una trama che scorre veloce e intrigante sotto i suoi occhi, senza mai risultare banale. È una storia cruda, che in certi momenti si perde nella zona liminare tra sogno e realtà, e nel mentre contrappone la spensieratezza di una giovane che sta vivendo il momento più bello della sua vita alla inquietante consapevolezza che si fa strada nei suoi sogni, che ormai sono solo incubi terribili. Ma quella spensieratezza è solo un’illusione, ed ecco che l’incubo si trasferisce anche nei momenti di veglia, quando la dipendenza dall’eroina fa precipitare Giulia nel baratro della non esistenza. Negli angoscianti confronti con il suo doppio demoniaco, con la parte di sé che vuole annientarla, che vuole farla naufragare in un mare nero e vischioso, la giovane protagonista ricorda un particolare della sua infanzia a lungo rimosso. Ed è a questo punto che il romanzo rivela la sua natura più profonda: nelle lotte contro la “sé stessa omicida”, nella confusione tra chi sia vittima e carnefice che la sta portando all’autodistruzione, Giulia ritrova il coraggio e la strada perduta da tempo, proprio quando era convinta di essersi smarrita per sempre. Al limite del sogno è la storia di una catarsi, dura ma necessaria; una vicenda tenebrosa che lascia però presagire una luce in fondo al tunnel.

 

TRAMA. Giulia, giovane studentessa di Storia dell’Arte, trascorre le sue giornate tra studio e momenti di svago con i suoi amici e con Davide, il suo ragazzo. D’improvviso, però, degli incubi tetri e grotteschi, che paiono sempre più reali, iniziano a tormentare le sue notti. Inizierà da ciò un percorso sempre più vorticoso che la porterà a sperimentare ogni genere di degradazione, vittima, insieme, delle proprie allucinazioni e del desiderio confuso e progressivamente più incoerente di sfuggire a esse attraverso la droga. Il racconto riesce ad avere la precisione spietata di un’analisi clinica e la sapienza narrativa derivata da una partecipazione umana al dramma narrato, testimonianza di una scrittura di razza e di una sensibilità rara.

 

L’AUTRICE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

BIOGRAFIA. Carlotta Amerio vive a Torino ma ha vissuto a lungo in diverse città della Germania. Nel corso della sua vita ha spesso lavorato con la parola scritta, utilizzandola sia come strumento professionale che come chiave di lettura del suo io interiore e di quello dei personaggi letterari e delle menti che li avevano creati. Ha lavorato come traduttrice, insegnante di lingue e consulente marketing. Ha da poco lasciato il suo ruolo di programming analyst presso una multinazionale del settore metalmeccanico per dedicarsi al travel planning e alla scrittura. Per il suo primo romanzo, “Al limite del sogno” (96 rue de-La-Fontaine Edizioni, 2019), ha svolto dettagliate ricerche sui mondi sommersi, quelli che nessuno vuole vedere e di cui molti negano persino l’esistenza, rivolgendo lo sguardo semplicemente altrove.

Contatti

Link di vendita

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: https://iltaccuinoufficiostampa.com/

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Data di Pubblicazione: 10 febbraio 2020
Categoria: Comunicati Stampa, Libri & Editoria
Argomenti: Al limite del sogno, Carlotta Amerio, romanzo, 96 rue de la Fontaine Edizioni, scrittore, libri, onirico, eroina, incubi, doppio, Il Taccuino ufficio stampa, ufficio stampa