Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

Danza Storica

Alla Pinacoteca del Tesoriere si è svolto lo Spring Regency Ball. Protagonista della serata la bella Jennifer Mischiati

Si è tenuto alla Pinacoteca del Tesoriere lo Spring Regency Ball, organizzato dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca (prossimamente docente a La Sapienza del corso di Alta Formazione “Galatei e buone maniere – Percorsi nel Costume”), per dare risalto al dipartimento Rome Regency Dancers della Compagnia Nazionale di Danza Storica curato da Giorgia De Luca.

L’evento è stato ispirato ai balli di epoca regency, che abbraccia il decennio dal 1811 al 1820, periodo di reggenza del futuro re Giorgio IV, ma che nell’uso comune copre un arco temporale più ampio, che va dal 1795 al 1837, anno di incoronazione della regina Vittoria.

Il dress code è stato, dunque, quello tipico dell’epoca napoleonica: una linea a vita alta per le donne, in modo che la figura appaia più alta e slanciata, simile alle statue greco-romane, tessuti morbidi, nastri e grandi scialli, e acconciature con chignon e riccioli che ricadono sulla fronte o ai lati del viso; per gli uomini eleganti frac con il colletto alto, panciotti attillati e jabot.

Ospite di questo ballo è stata l’attrice Jennifer Mischiati, vestita per l’occasione insieme a Nino Graziano Luca dalla stilista Monica Fiorito per Atelier Artinà, prossimamente protagonista di due film internazionali: “Creators - The Past” con Gerard Depardieu e nel film americano “Little America”. Il trucco e parrucco è stato curato, invece, da Silvia Cannova per Pablo Art director Gil Cagnè.

Tra i generi di danza più amati in epoca regency c’erano sicuramente le quadriglie, derivate dai cotillon, che erano tuttavia ancora in voga ed eseguite in set di quattro coppie disposte in quadrato, e le country dances, eseguite in lunghe linee di cavalieri e dame, che si fronteggiano a una certa distanza, suddivise in set di 2 o 3 coppie. Anche il valzer inizia ad affacciarsi sulla scena in questo periodo, un valzer lento o saltellato in cui grandissima parte avevano le variazioni di posizione delle braccia dei ballerini. Spesso all’apertura del ballo veniva eseguito un minuetto, eredità del secolo precedente. 
Tra i manuali che sono stati consultati per il repertorio di danza dello Spring Regency Ball citiamo quelli di Thomas Wilson, George M.S. Chivers, James Paine e John Duval.

Durante la serata sono state gustate le prelibatezze gastronomiche di Valle Santa, alla presenza del Direttore Commerciale Paolo Ianni, azienda situata nel cuore della verdeggiante ed incontaminata piana reatina in cui l’alta qualità, la freschezza dei prodotti e l’amore per l’ambiente sono gli elementi principali che la contraddistinguono.  

La Compagnia Nazionale di Danza Storica è stata a Modica pochi giorni fa per il Gran Ballo dell’800 dove il Presidente della Rai Marcello Foa si è complimentato con Nino Graziano Luca evidenziando il lavoro di recupero svolto dalla CNDS atto a preservare i valori culturali sottolineando la bellezza dei volti gioiosi dei presenti, simbolo della compagnia.

Data di Pubblicazione: 19 maggio 2019
Categoria: Comunicati Stampa, Eventi & Appuntamenti
Argomenti: Nino Graziano Luca, Danza Storica, Jennifer Mischiati

Il 4 Maggio al "Teatro Sociale di Como" si terrà il Gran Ballo dell'800 con la CNDS di Nino Graziano Luca

Ritorna, per il secondo anno consecutivo a Como, una tradizione cara al territorio, in voga da metà Ottocento fino a circa gli anni Sessanta del Novecento: quella dei balli, un tempo più noti con la dicitura “feste da ballo”, solitamente organizzate nel periodo di Carnevale, in prossimità dell’inaugurazione della stagione lirica.

Al Teatro Sociale, Sabato 4 Maggio 2019, l’evento va a sancire una festa di primavera e, al contrario di quanto avveniva fino al secolo scorso, il termine della Stagione notte 2018 / 2019, preludio al ricco calendario estivo.

Dopo la stagione dei balli a Vienna, dopo gli appuntamenti più blasonati, che animano molte capitali mitteleuropee, il Teatro Sociale di Como riapre le danze e si innesta in questo circuito europeo.

Le danze storiche, riscoperte in molti anni di studio e riproposte in maniera filologica da Nino Graziano Luca con la Compagnia Nazionale di Danza Storica, faranno risuonare ogni spazio del Teatro; tolte le sedute, la platea tornerà ad essere sala da ballo ed i palchi, come un tempo, un punto di affaccio privilegiato per dominare le coreografie; la Compagnia Nazionale di Danza Storica sarà vestita rigorosamente in abiti d’epoca, consigliati anche agli ospiti, in alternativa il dress code può consentire il lungo per le signore e la cravatta nera per gli uomini.

Ricordiamo che per chi volesse noleggiare un costume dell’800 e curare un’acconciatura a tema, presentando il biglietto del ballo avrà delle condizioni di favore presso Celeste Costumi Storici e Teatrali e D & F Parrucchieri by Zamira Di Dini.

Il Gran Ballo avrà inizio in Teatro alle ore 18.30. Il buffet imperiale sarà allestito in una sala del Ridotto.

CARNET DELLE DANZE

PRIMA PARTE

Grande Entrée

  • La Traviata -Valzer  
  • Il Pipistrello - Quadrille
  • Il Fazzoletto di Pizzo - Rose dal Sud
  • Musen Polka
  • Victoria Quadrille   
  • Mr. Beveridge's Maggot
  • Pas de Patiner
  • Hungarian March
  • Moscow Polka
  • Russian Figure Waltzny

SECONDA PARTE

  • Fächer – Polonaise
  • Coppelia –Valzer delle Ore
  • Scottish Roulette
  • Quadriglia I Lancieri
  • Mazurka dal Gattopardo
  • Contraddanza Venezia
  • Hole in the Wall
  • The Comical Fellow
  • Virginia Reel
  • Rigoletto - Questa o Quella
  • Radetzky March

Il Teatro quest’anno propone un’experience destinata a chi desidera avere una visita guidata, con alcuni aneddoti a ricordare la storia dei balli al Teatro Sociale e, pur non partecipando al ballo, assistere allo spettacolo, osservando dalle gallerie la Compagnia Nazionale di Danza Storica comporre quadriglie, valzer e galoppi: due sono i turni in cui sarà possibile accedere alle gallerie e, per circa 45 minuti, osservare, non osservati, le coreografie, come all’interno di un film d’altri tempi.

  • ore 18.30 (ingresso e inizio prima parte) fino alle 19.15 circa
  • ore 21.30 (inizio circa seconda parte) fino alle 22.15 circa

II costo di questa experience è di 10 euro.
I tagliandi per questa experience potranno essere acquistati direttamente in biglietteria.

BIGLIETTERIA
Piazza Verdi, 22100 Como
Tel. +39. 031.270170; biglietteria@teatrosocialecomo.it; www.teatrosocialecomo.it

ORARIO di APERTURA: martedì e giovedì ore 10.00 – 14.00; mercoledì e venerdì ore 16.00 – 20.00; sabato ore 10.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00

INFOLINE/PRENOTAZIONI TELEFONICHE: dal martedì al venerdì ore 14,30 – 16.30; tel.+39.031.270170 – fax +39.031.271472

Data di Pubblicazione: 1 maggio 2019
Categoria: Comunicati Stampa, Musica & Concerti
Argomenti: Gran Ballo, Danza Storica, Nino Graziano Luca, Como,

Celebrati i trent'anni d'attività di Nino Graziano Luca a Firenze durante l'edizione di Danzainfiera

Danzainfiera, il più importante tra i grandi eventi internazionali di danza e ballo, ha celebrato i trent'anni di attività di Nino Graziano Luca e le Danze Storiche con due eventi allestiti lo scorso 23 febbraio 2019 alla Fortezza Da Basso di Firenze, entrambi presso il Padiglione Spadolini sito al Piano Terra.

Alle ore 12:30 si è tenuto l’esibizione di Danze Ottocentesche, Suite del Gran Ballo dell’800 con la Compagnia Nazionale di Danza Storica.

Gli straordinari ballerini della Compagnia Nazionale di Danza Storica in eleganti frac e preziosi abiti, hanno eseguito meravigliosi Valzer, Quadriglie, Contraddanze e Mazurche. Uno spettacolo elegante, divertente ed emozionante anche per il repertorio musicale: da Strauss a Verdi, da Ziehrer a Delibes, da Ciajkovsky a Bellini e Puccini.

Alle ore 17, invece, è stata presentata in anteprima della versione in inglese del libro di Nino Graziano Luca sui Gran Balli dell’800 intitolato The Grand Balls of the 19th Century. Nino Graziano Luca è autore del libro Gran Balli dell’800. Da Via Col Vento al Gattopardo pubblicato dall’Armando Curcio Editore, nel quale propone il risultato dei suoi molteplici anni di studio in tutta Europa sul tema della Moda, Danza, Bon Ton tra il tardo ‘700 e gli inizi del ‘900. Il libro ha ricevuto prestigiosi encomi nonché i patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Ambasciata d’Austria ed è stato presentato tra l’altro alla Camera dei Deputati ed all’Ambasciata d’Austria. Nell’ottobre del 2017, giunto alla quinta ristampa, è stato pubblicato in versione economica.

È la seconda volta che Nino Graziano Luca viene invitato a Danzainfiera con la Compagnia Nazionale di Danza Storica. La prima volta fu nel 2012.

Dopo l’evento fiorentino, la Compagnia Nazionale di Danza Storica sarà ancora una volta protagonista di un programma televisivo, ballando ai Soliti Ignoti condotto su RAIUNO da Amadeus.

Data di Pubblicazione: 2 marzo 2019
Categoria: Comunicati Stampa, Eventi & Appuntamenti
Argomenti: Nino Graziano Luca, Danza Storica, Firenze, Danzainfiera

Si è svolto il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella magica cornice della Pinacoteca del Tesoriere. Tra i presenti: Miriam Galanti, Katia Greco e il Principe Marconi Giovanelli

La Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca ha celebrato il magico e divertente Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella prestigiosissima Pinacoteca del Tesoriere, palazzo storico privato del XVII secolo, che custodisce affreschi di epoca barocca e capolavori di inestimabile valore.

Presenti alla serata due giovani attrici di televisione e cinema: Katia Greco e Miriam Galanti. La prima la ricordiamo ultimamente nelle fiction “Il Cacciatore” e in “Che Dio ci aiuti 5”, prossimamente la vedremo al cinema nel film internazionale “The Elevator”. La seconda, invece, apprezzata in tv nella fiction “Che Dio Ci aiuti 5” e al cinema nella pellicola “Quando corre Nuvolari”. Prossimamente al cinema protagonista nel film “Scarlett”. Tra gli altri ospiti presenti anche il Principe Guglielmo Marconi Giovanelli

Il programma del Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche ha visto danzare gli ospiti sulle note di: Carnival Waltz, The Waltzing Cat, Valzer delle Ore da Coppelia, Circassian Circle, Quadrille Il Pipistrello, Valzer da La Traviata, S. Bernard Waltz, The Triumph, Mazurka dal Gattopardo, Auretti’s Dutch Skipper, Childgrove, Musen Polka, National Waltz, Lilli Burlero, Virginia Reel , The Dhoon, Comical Fellow, Rinka, Russian Figure Waltzny, Russian Waltz Quadrille, Moscow Polka, Marcia di Radestzky.

Nino Graziano Luca - Foto di Enrico GiorgettaNel corso dell’evento i danzatori della Compagnia Nazionale di Danza Storica Rome Regency Dancers, coordinati da Giorgia De Luca ed accompagnati al Pianoforte dal M° Gabriele Ceccarelli, hanno danzato il Cotillon La Comme're ed il Wilson Waltzes; la costumista teatrale Federica Carone ha, inoltre, presentato alcune delle sue creazioni, mentre il Beauty è stato curato da Silvia Canova per “Pablo art director Gil Cagne’”.

Il Presidente della Compagnia Nazionale di Danza Storica Nino Graziano Luca ha affermato: “In ogni momento del Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche, sembra di essere saliti su una macchina del tempo. Il vagare avanti e indietro nello spazio e nel tempo, tipico della narrazione letteraria o cinematografica di fantascienza, pare materializzarsi sotto gli occhi dei partecipanti. Dai costumi alle danze, dalle performance alle opere d’arte della location, si fluttua in maniera divertente dall’epoca rinascimentale all’inizio del ‘900”.

Data di Pubblicazione: 17 febbraio 2019
Categoria: Comunicati Stampa, Eventi & Appuntamenti
Argomenti: Nino Graziano Luca, Danza Storica, Carnevale, Katia Greco, Miriam Galanti