Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

comicità

Silvia Alonso presenta il romanzo chick-lit “I love Mammy in Montecarlo – come sopravvivere a una vita glitter”

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

 

I love Mammy in Montecarlo - come sopravvivere a una vita glitter di Silvia Alonso

La scrittrice milanese Silvia Alonso presenta “I love Mammy in Montecarlo – come sopravvivere a una vita glitter”, un frizzante chick-lit, un ironico e sagace resoconto delle avventure di una neo mamma che si trova a cambiare radicalmente vita, e a doversi adattare a un mondo in cui l’apparenza conta molto più della sostanza. Una protagonista esilarante, Sylvie Labella - ispirata all’iconico personaggio di Rebecca Bloomwood ideato da Sophie Kinsella - che farà sorridere ma anche riflettere; una donna in cui potersi identificare, e con la quale scoprire che a volte non è tutto oro ciò che luccica.

Titolo: I love Mammy in Montecarlo – come sopravvivere a una vita glitter

Autore: Silvia Alonso

Genere: Chick-lit

Casa Editrice: Genesis Publishing

Pagine: 260

Prezzo: 11,60 €

Codice ISBN: 978-96-064-70-493

 

«A volte penso proprio che dovrei fare due chiacchiere col regista di “Sex and the City” e spiegargli veramente cosa significhi sentirsi come Carrie, fare una vita alla Charlotte dopo aver archiviato una durissima professione da Miranda, e magari essere obbligate, in quanto mamma, a mettere sotto chiave tutti i sogni da Samantha […]».

 

I love Mammy in Montecarlo – come sopravvivere a una vita glitter di Silvia Alonso è un esilarante romanzo chick-lit che non si ferma mai alla superficie delle cose, ma tende invece ad analizzare ogni aspetto della vita della protagonista, Sylvie Labella, intenta a comprendere come sopravvivere nella trappola dorata di Montecarlo. Narrato in prima persona, il romanzo ha un incipit scoppiettante: una giovane mamma italiana da poco trasferita “nell’ostile” territorio francese cerca di contenere il suo spirito prorompente che fa letteralmente a botte con l’esasperata sobrietà monegasca. La situazione è poi complicata dal suo Luchino, un vivacissimo bimbo di due anni e mezzo che è definito da lei una “piccola rivoluzione copernicana del quotidiano”. È infatti la maternità ad essere raccontata con risvolti comici, e la difficoltà di conciliarla con la moderna vita frenetica; l’autrice fa emergere con intelligenza i piccoli, grandi sensi di colpa e la sensazione di perenne inadeguatezza che ogni madre si porta dietro, anche se è una “mamma-holic”. Con una scrittura frizzante e sagace, e una potente ironia a volte caustica, l’autrice ci porta nei luoghi della Montecarlo scintillante, permettendoci però di guardare oltre la patina dorata dell’apparenza. La protagonista del romanzo è una grande osservatrice, scaltra e critica, e nonostante sia sedotta dalla “bella vita” sa anche giudicare con lucidità ciò che le si offre; è ben conscia della frivolezza del mondo in cui vive, al quale non risparmia battute sarcastiche, e colpisce nel segno soprattutto quando punta il dito sulla finta gentilezza – “con dosi massicce di cortesia” – che è spesso ostentata dalla popolazione monegasca, e sulla vacuità di persone dal portafogli pieno ma povere di contenuto. L’autrice utilizza l’espediente dell’ironia per parlare di argomenti importanti, come il fatto che la forma spesso conti molto di più della sostanza, o quanto ancora pesi il divario culturale tra diverse nazioni, e soprattutto quanta solitudine possa provare una neo mamma: “nella città dei glitter le amiche si contano su una mano. A cui manca però qualche dito”. E come non menzionare quei bizzarri voli pindarici delle “lettere di contestazione” che l’autrice si concede per dare una pausa alla narrazione, che non sono mai importuni, e che arrivano al momento giusto e con i giusti tempi comici. I love Mammy in Montecarlo – come sopravvivere a una vita glitter è un romanzo spassoso e introspettivo, in cui in dodici avventure per dodici capitoli l’autrice riesce ad elaborare una stravagante quanto realistica filosofia del quotidiano.

 

TRAMA. Non è facile sopravvivere a una vita glitter. Perché, come giustamente ricorda il proverbio, se l’abito non fa il monaco e una rondine non fa primavera, una rondine monegasca sul giusto abito già può candidarsi a icona chic dell’universo modaiolo. Un universo in cui si muove disinvolta e sagace la protagonista del romanzo, Sylvie Labella, brillante mamma italiana dall’ironia tagliente e dalla simpatia travolgente. Tranne il fatto che, tacco dodici a parte (l’unico a essere perfettamente sincronizzato con “la Città dei Glitter”), Sylvie si sente un pesce fuor d’acqua. Uno di quelli che ha difficoltà ad andare d’accordo persino coi pesci meno grossi del Museo Oceanografico, principale attrazione turistica della città. E così, tra avventure alla Sex and the City e ispirazioni in stile “Shopaholic”, dove non mancano di certo le gag divertenti e persino gli scontri con agguerrite nemiche, Sylvie e il suo amato bimbo Luchino ci portano per mano in una Montecarlo da sogno, la cui vita è fatta di feste fiabesche, boutique principesche e tanto fumo negli occhi, con poco arrosto di sincerità.

 

 

L’AUTRICE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

BIOGRAFIA. Silvia Alonso è una giovane mamma milanese come tante. O forse non proprio… Innanzitutto perché è un ex avvocato che, ispirandosi a Wonder Woman, ha sempre tenuto sotto al tailleur la strategica tutina in lycra per spiccare il volo verso una seconda vita. Inseguendo i suoi sogni, Silvia ha abbandonato le precedenti vesti di legale per iniziare a narrare la sua vita, creando il proprio alter ego. Trasferitasi a Montecarlo dopo la nascita del suo bambino, decide di trarre ispirazione da quella nuova vita patinata per trasformarsi in una Sophie Kinsella locale. Ne nasce il personaggio di Sylvie Labella, una mamma italiana frizzante e dalla fantasia straripante trapiantata nel mondo monegasco, ben più discreto e moderato. Da sempre amante di arte e letteratura, nel 2005 l’autrice si aggiudica il Premio “Poesia Dorsale” al Castello Belgioioso di Pavia per la composizione “Inverno africano” (in giuria Alda Merini). Nel 2006 pubblica la favola poetica “Il morso del serpente”, da cui estrapola la sceneggiatura per l’omonimo spettacolo che unisce danza orientale e teatro, rappresentato con la partecipazione del Maestro Roberto Brivio e la presentazione dello scrittore e amico Andrea G. Pinketts.

 

LA CASA EDITRICE. Genesis Publishing è una realtà editoriale giovane ed intrepida, nata nel 2013 in seno alla società Genesis Joint Venture. La Genesis Publishing desidera dar luce agli scrittori esordienti che vogliono donare qualcosa di sé; dar ascolto, attraverso articoli e pubblicazioni, alle mille voci costrette al silenzio; dar vita, attraverso l’amore per la letteratura, ad una casa editrice degna di questo nome. Dal 2016 la Genesis Publishing diventa indipendente e sposta la sua sede legale sull'Isola di Rodi. Da qui continua la sua avventura, ma con una visione di più ampio respiro, catapultata fuori dai confini nazionali.

 

 

Contatti

https://www.silviaalonsowriter.com

https://www.instagram.com/silviaalonsowriter

https://www.facebook.com/silviaalonsowriter

http://www.thegenesispublishing.com/

 

 

Link di vendita

https://www.amazon.it/love-Mammy-Montecarlo-sopravvivere-glitter-ebook/dp/B0823V6MXR

 

 

 

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

Data di Pubblicazione: 12 dicembre 2019
Categoria: Libri & Editoria
Argomenti: I love Mammy in Montecarlo – come sopravvivere a una vita glitter, Silvia Alonso, chick-lit, Genesis Publishing, scrittore, libri, maternità, Montecarlo, comicità, apparenza, Sophie Kinsella, mamma-holic, Il Taccuino ufficio stampa, ufficio stampa