Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

alimentazione

TV: Linea Bianca accende i riflettori su Roccaraso

Massimiliano OssiniNuova puntata di Linea Bianca con Massimiliano Ossini e Alessandra Del Castello che sabato 24 gennaio porteranno il pubblico di Rai Uno alla scoperta di Roccaraso. Sorvolando il Monte Greco, il parco della Maiella e il Gran Sasso, Ossini in compagnia della guida alpina Ciro Sertorelli, il primo degli ospiti della quinta puntata, atterrerà sulla pista Direttissima di Monte Pratello.

Il paese, come racconterà Ossini, offre un’ampia gamma di servizi per gli amanti degli sport invernali: impianti veloci, moderni e complessi sciistici che si susseguono valle dopo valle nel favoloso scenario delle montagne della Majella, tanto da definire il paese la “Cortina del Sud”.

Dalle piste ai rifugi, dove Ossini incontrerà il dottor Mauro Mario Mariani, esperto nutrizionista, che svelerà tutti i segreti dell’antico simbolo di Roccaraso. Si tratta della Pulsatilla, una pianta dalle virtù omeopatiche che nasce sulle montagne della zona a circa 1900 mslm.

Sulle piste, il conduttore Rai incontrerà anche il personale scientifico del CNR alle prese con una discesa sugli impianti di sci del Gran Sasso e farà visita all’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), che vanta i più grandi laboratori del mondo, uno dei quali si trova proprio sul Gran Sasso (LNGS). Compito dei Laboratori del Gran Sasso è di ospitare esperimenti nel campo dell’astrofisica nucleare e fisica delle particelle che necessitano di un ambiente a bassa radioattività naturale, nonché di altre discipline che possono trarre vantaggio dalle sue caratteristiche ed infrastrutture. A confermare l'importanza del LNGS sono i circa venti esperimenti di portata internazionale che i ricercatori stanno attualmente conducendo.

Ormai immancabile l’appuntamento con la maestra di sci abruzzese Alessandra del Castello, che si soffermerà sulle norme che possono salvare la vita, contenute nel decalogo della sicurezza, oltre che parlare di Snowkite e incontrare i maestri di sci e un campione, appartenenti all’AMSI e alla FISI.

Ossini percorrerà in treno la Transiberiana Abruzzese parlando di territorio, agricoltura, fauna e prodotti tipici in compagnia del Presidente Fondazione Ferrovie dello Stato, Luigi Cantamessa e dell’agronomo Roberto Bruni. Arrivato alla stazione di Roccaraso, Ossini incontrerà l’allevatore di Asinelli Eugenio Milonis, il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato Livia Mattei, responsabile della ricerca scientifica e conservazione lupi della guardia forestale, Antonio Antonucci, biologo del Parco Nazionale della Maiella e Luciano Sammarone dirigente del corpo forestale con il quale parlerà di Orsi.Nel cuore di Roccaraso, Ossini e Del Castello introdurranno il pubblico nella tradizione culinaria di paese, presentando diversi piatti tipici tra cui: “maccheroni alla chitarra o carrati”, i “maccheroni alla molinara” (meglio conosciuti come alla “mugnaia”), o ancora la “pasta della tresca” che concludeva la trebbiatura, ultima fatica del calendario agricolo. In conclusione, non si rinuncerà allo spazio più amato dai bambini: quello dedicato alle storie e alle leggende.

Data di Pubblicazione: 21 gennaio 2015
Categoria: Eventi & Appuntamenti
Argomenti: Abruzzo, Alessandra Del Castello, alimentazione, asinelli, campiioni, CNR, dolci, fauna e flora, fisi, forestale, Gran Sasso, leggende, lupi, Massimiliano Ossini, MauroMario Mariani, neve, orsi, pasta, piste, Roccaraso, sicurezza, sport

Linea Bianca dedica una puntata al Monte Bianco: lo Sci, gli Sport e l’Enogastronomia della Valle d’Aosta

Ossini presenterà tanti campioni e con il dott. Mariani si scopriranno i segreti di un'alimentazione corretta

Nuovo appuntamento con Linea Bianca e le montagne d’Italia. Per la terza puntata le telecamere di Rai Uno arriveranno in Valle d’Aosta, seguendo Massimiliano Ossini, alla scoperta del Monte Bianco e dei più grandi complessi montagnosi della regione (il Gran Paradiso, il Gran Combin, il monte Rosa), fino ad atterrare, con Beppe Cuc, Presidente dell’Associazione Valdostana, sulle piste del Cervino “Ski Paradise”. Nel corso della trasmissione il conduttore del sabato pomeriggio Rai, incontrerà i campioni Valdostani, Simone e Ivan Origone, oro e argento per lo sci di velocità, che saranno in compagnia di Alessandra Del Castello e del dott. Mauro Mario Mariani, con i quali si parlerà rispettivamente di sicurezza in pista e corretta alimentazione per ottenere elevate prestazioni fisiche.

Sarà poi la Del Castello a regalare al pubblico l’emozione di percorrere la pista affiancata dai due campioni, mentre Ossini si soffermerà a parlare con Federico Maquignaz, Presidente Funivie del Cervino. Giunto a Valle avrà poi modo di conoscere e intervistare i campioni di hockey sul ghiaccio, oltre che di pattinare con due professioniste Giulia Tagliapietra e Sara Casella. Spetterà, invece, alla maestra di sci presentare le piste e indicarne le difficoltà, fornendo i consigli utili per sciare in sicurezza.

Tolti i pattini, Ossini si spingerà invece sul Monte Bianco, cercando qualche informazione sulla nuova funivia ancora in costruzione. Ad arricchire con gusto diverso la puntata ci penseranno l’enologo Nicola Del Negro e lo chef Kaled Charfeddine. Quella sul Monte Bianco sarà anche un’occasione per portare il pubblico del sabato pomeriggio al Parc Animalier D’Introid, dove Corrado Brunet soddisferà ogni curiosità di Massimiliano sul parco e gli animali che lo popolano. Dopo aver sorvolato in elicottero tutto il comprensorio della Valle d’Aosta, Massimiliano Ossini non si lascerà sfuggire l’occasione di provare l’emozione del volo biposto in parapendio con Luca Polo.

Data di Pubblicazione: 9 gennaio 2015
Categoria: Eventi & Appuntamenti
Argomenti: alimentazione, Alpini, Amsi, conduttore, forestale, italia, Massimiliano Ossini, Mauro Mario Mariani, montagne, Monte Bianco, Nutrizionista, rai uno, sport invernali, Televisione, Valle D'aosta

Si chiudono con successo gli eventi dell'IC3 "Don Bosco F.d'Assisi" al Forum Universale delle Culture

Si è concluso brillantemente il ciclo di incontri " Cultura a Napoli" svoltosi al Palazzo delle Arti di Napoli (PAN) ed organizzato dalla Prof.ssa Grazia Paolella , dirigente scolastica dell’Istituto "Don Bosco F. d'Assisi", in occasione del Forum Universale delle Culture 2014. Il ciclo di incontri è ripreso il 5 novembre con il dibattito "Il napoletano, lingua globale" con Ermanno Corsi come relatore che ha discusso della rivalutazione del napoletano come patrimonio storico da preservare e del suo riconoscimento culturale alla luce di una società sempre più "globalizzata" e "standardizzante".

Il 6 novembre, protagonista del secondo appuntamento è il grande Eduardo, nella lezione-spettacolo "Il secolo breve di Eduardo De Filippo" tenuta dall'attore Ferdinando Maddaloni, protagonista di varie finction televisive di successo; la "lezione" ha riscosso un grande successo (anche a livello di pubblico presente), rivelandosi un valido omaggio al grande drammaturgo-attore napoletano, proprio in occasione del trentesimo anniversario della sua morte.

Il terzo appuntamento, quello conclusivo, dal titolo "Cancro e alimentazione nella terra dei fuochi" , si è svolto il 13 novembre scorso ed ha avuto come relatore il Prof. Rosario Vincenzo Iaffaioli, responsabile della struttura complessa di oncologia medica addominale dell'Istituto Nazionale dei Tumori Pascale di Napoli. Erano presente inoltre altri relatori quali il dott. Michele Libutti, il dott. Vincenzo Quagliariello, il dott. Antonio Vatrella, il sig. Antonio Pepe. Dopo il dibattito, gli studenti della "Don Bosco F. d'Assisi" hanno mostrato alcuni elaborati sul tema. Lo scopo di questo convegno, afferma la Prof.ssa Paolella, è stato quello di «dare voce, per il tramite degli allievi, ad una vivace protesta ed un fermo rifiuto di fronte alla scelleratezza di tanti sversamenti illegali di veleni di varia natura, vero e proprio scempio ambientale» In vista della recente scoperta di nuove discariche abusive di amianto e bitume ad Ercolano, città vicinissima a Torre del Greco, l'argomento conclusivo scelto dalla Prof.ssa Paolella non è casuale: «Il nostro intervento – conclude la Dirigente – lungi dal creare allarmismi e avallare campagne pubblicitarie negative contro la commercializzazione dei prodotti campani, intende solo fare il punto della situazione con un parterre di illustri esponenti del mondo scientifico.»

Data di Pubblicazione: 17 novembre 2014
Categoria: Scuola & Istruzione
Argomenti: terra dei fuochi, cancro, alimentazione, convegno, pan, scuola, napoli