Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni
Invio Comunicati Stampa Gratis

Scuola & Istruzione

Capalbio (GR): petizione per la cittadinanza onoraria al Prof. Alberto Asor Rosa

Lo scorso 13 Ottobre 2018, è stata consegnata al Sindaco Luigi Bellumori la petizione per concedere la cittadinanza onoraria del Comune di Capalbio al Prof. Alberto Asor Rosa. L'iniziativa, lanciata da Adalberto Sabbatini - uno dei quatttro fondatori dello stabilimento balneare Ultima Spiaggia - e fatta propria dall'Associazione "Il piacere di leggere" presieduta da Andrea Zagami, intende omaggiare la figura dello scrittore e critico lettarario Alberto Asor Rosa, che da oltre 30 anni trascorre parte dell'anno a Capalbio.

Nel testo della petizione si sottolinea il ruolo di Alberto Asor Rosa che "con costanza e tenacia, per oltre trent'anni, ha contribuito con le sue idee e con le sue prese di posizione a mantenere la Maremma e Capalbio territori intatti dove rimangono alti i valori della cultura, del rispetto, della natura e dell'armonia".

“Accolgo con vivo entusiasmo la richiesta fatta arrivare dalla Cittadinanza e da un importante gruppo di storici frequentatori di Capalbio nei vari periodi dell'anno attraverso il concittadino Adalberto Sabbatini e l'Associazione Culturale 'Il piacere di leggere' - ha commentato il Sindaco di Capalbio Luigi Bellumori - Sono sicuro che nei prossimi giorni, dopo aver condiviso questa iniziativa con la Giunta e il Consiglio Comunale, saremo già in grado di formalizzare il percorso per il riconoscimento della Cittadinanza Onoraria a questo illustre concittadino sino  all'annuncio della data per la consegna di questo importante e meritato riconoscimento  al Prof. Asor Rosa.”

Alberto Asor Rosa è una delle voci più autorevoli della cultura italiana. Ha insegnato Letteratura Italiana all'Università La Sapienza di Roma, di cui attualmente è professore emerito. Dal 1979 al 1983 è stato deputato per il Partito Comunista Italiano. Scrittore e critico letterario, fondatore della “Storia della letteratura” in 11 volumi per Einaudi, per lo stesso editore ha pubblicato tra gli altri “Scrittori e popolo”, “Genus italicum”, “Stile Calvino” e “Racconti dell'errore”. Nel 2006 ha pubblicato “Il grande silenzio. Intervista sugli intellettuali” per Laterza. Dal 2006 guida in Toscana un coordinamento ambientalista, molto attivo nella difesa del territorio e del paesaggio. Dice: “Il meglio e il peggio della vita vengono sempre da dentro, chi vi racconta il contrario non sa di che parla”. Nel 2017 ha pubblicato la sua quarta opera di narrativa “Amori sospesi” edita da Einaudi e presentata a Piazza Magenta nel corso di Capalbio Libri.

In allegato l'elenco dei 142 firmatari della petizione per concedere la cittadinanza onoraria del Comune di Capalbio al Prof. Alberto Asor Rosa.


Associazione "Il Piacere di Leggere"

La lettura ed i libri sono un patrimonio dell’uomo perché ci rendono più felici: leggere è un piacere.”

Nasce da questa riflessione la volontà di costituire l’Associazione “Il piacere di leggere”con l’obiettivo di contribuire alla promozione della lettura,alla valorizzazione delle eccellenze del territorio italiano (paesaggistico, culturale ed enogastronomico) e assicurare continuità alla manifestazione e alle iniziative di Capalbio Libri, il festival del piacere di leggere. Una risposta concreta alle numerose testimonianze di affetto nei confronti del festival da parte di appassionati e lettori, che rappresentano ormai una vera e propria comunità. L'Associazione “Il piacere di leggere”, costituita a Giugno 2017 da Francesca Basilico, Jacaranda Caracciolo Falck, Bruno Manfellotto, Denise Pardo e Andrea Zagami è impegnata anche a sostenere con iniziative concrete la riapertura della biblioteca comunale di Capalbio. L'Associazione "Il piacere di leggere" ha vissuto una tappa importante della sua storia durante la scorsa edizione di Capalbio Libri, quando all'interno di una conversazione sul piacere di leggere, il direttore di Capalbio Libri Andrea Zagami ha consegnato in anteprima la tessera n. 1 e n. 2 dell'associazione a Dario Franceschini, allora Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini ed alla scrittrice ed editor Teresa Cremisi. Per maggiori informazioni sull'associazione http://www.capalbiolibri.it/associazione/

Michele Sabatini
michelesabatini@zig-zag.it

Progetto Life, i ricercatori ISPRA e FIAB fanno tappa a Cori (LT)

Il 12 Ottobre scorso, una delegazione di ricercatori dell’Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale e della Federazione Italiana Amici della Bicicletta - nell’ambito del Progetto Life SIC2SIC, che li sta portando su e giù per l’Italia a bordo delle loro bici – ha fatto tappa a Cori (LT).

Life SIC2SIC (Siti di Interesse Comunitario) è un progetto europeo che promuove la partecipazione attiva e consapevole della cittadinanza alla tutela della biodiversità nei siti della Rete Natura 2000 (di cui fanno parte anche i monti Lepini, il lago di Giulianello e Ninfa) e si pone come obiettivi la conoscenza della Rete Natura 2000, la promozione di comportamenti ecosostenibilinella fruizione del territorio (itinerari ciclistici e turismo sostenibile) e la creazione di un modello collaborativo tra i soggetti che compongono la governance territoriale. Si vuole quindi stimolare il coinvolgimento responsabile dei soggetti coinvolti al fine di promuovere un’ampia partecipazione alla gestione integrata del territorio e allo sviluppo di un sistema produttivo green oriented e si è scelto come mezzo di promozione di questo messaggio la bicicletta, mezzo di trasporto green per eccellenza.

I ricercatori di ISPRA e FIAB hanno incontrato gli alunni della scuola primaria di Cori per illustrare loro l’iniziativa e sensibilizzare i giovanissimi al valore dell’ambiente, sono stati accolti dal Sindaco Mauro De Lillis e sono stati ospiti dell’Azienda Agricola Biologica Marco Carpineti, dove hanno degustato i pregiati vini della cantina corese e alcuni prodotti tipici locali.

“Non ho esitato – ha detto il primo cittadino – ad accogliere l’iniziativa non appena mi è stata proposta anche perché va nella stessa direzione che l’Amministrazione vuole intraprendere per la difesa e la valorizzazione del nostro territorio. Essa si inserisce dunque pienamente nella nostra stessa filosofia di tutela e promozione di queste terre e dei loro prodotti.”

Nell’arco di due anni il gruppo di esperti del progetto (ricercatori ambientali, economisti di sviluppo territoriale, comunicatori e guide cicloturistiche) collegherà in bicicletta oltre 170 siti della Rete Natura 2000 italiana. Saranno percorsi circa 6.000 km attraversando 7 regioni rappresentative delle diverse realtà biogeografiche d’Italia: Nord-Ovest (Piemonte), Nord-Est (Friuli-Venezia Giulia), Centro (Lazio e Umbria), Sud (Puglia) e Isole (Sicilia e Sardegna).

Partito per la sua tappa odierna da Sabaudia e dopo essersi fermato anche all’oasi di Ninfa, il gruppo da Cori ha poi proseguito verso Castel Gandolfo.

www.lifesic2sic.eu

A Lenola (LT), seminario di aggiornamento "Olivo: la potatura di risanamento dopo i danni causati dal gelo"

Venerdì 12 Ottobre, dalle ore 17:30, a Lenola (LT), presso il Cinema “Lilla”, si svolgerà il seminario tecnico di aggiornamento per gli operatori del settore “Olivo: la potatura di risanamento dopo i danni causati dal gelo”, a cura del Dott. Giorgio Pannelli – già CRA OLI Sezione di Spoleto (PG), ed organizzato dall’Associazione CAPOL di Latina in collaborazione con la Pro Loco di Lenola e la Rete d’Impresa “Lenola nel Cuore”, patrocinato dal Comune di Lenola e dalla Regione Lazio.

Interverranno: Fernando Magnafico – Sindaco di Lenola; Marrigo Rosato – Manager Rete d’Impresa; Luigi Centauri – Presidente CAPOL Latina. L’incontro intende approfondire aspetti di olivicoltura, tecnica colturale e qualità dell’olio, con particolare attenzione alla grave situazione provocata dalla gelata di fine febbraio 2018. Si parlerà degli interventi di potatura di risanamento necessari per eliminare le parti morte da graduare in relazione alla gravità del danno che varia in base all’intensità e alla durata degli abbassamenti di temperatura.

A seguire una sessione di assaggi degli oli Evo rappresentativi del XIII Concorso “L’Olio delle Colline” curato dal Team di Assaggiatori professionisti del CAPOL ed una degustazione di prodotti tipici abbinati all’Olio Itrana di Lenola. Oltre alle lezioni teoriche, a partire dalle ore 14:00 si praticheranno esercitazioni sul campo ospitate dai produttori di Lenola Spirito Giovanni (località “Le Giardine”), “L’Impronta” di Pannozzo Filomena (località Passignano), Società Agricola Guglietta (località Camposerianni).

Anche la "Don Bosco F.D'Assisi" di Torre del Greco presente ad onorare il Poverello d'Assisi

Dopo ben vent'anni, la Regione Campania è stata scelta – in rappresentanza di tutte le altre Regioni d'Italia – per donare al Sacro Convento di Assisi l’olio votivo che alimenta la lampada che arde sulla tomba del “Poverello d'Assisi”, nonché Patrono d'Italia.

In occasione dei festeggiamenti avvenuti il 4 Ottobre scorso, sono stati invitati a partecipare circa centosessanta Comuni, tutti accorsi ad Assisi ognuno con i propri gonfaloni comunali. Non sono mancati all'appuntamento i rappresentanti istituzionali e quelli del Clero.

Nel corso della Santa Messa officiata dal Cardinale Sepe, il sindaco del Comune di Napoli De Magistris ha consegnato l’olio votivo davanti a migliaia di pellegrini. Tra questi, non potevano mancare gli alunni dell'Istituto Comprensivo "Don Bosco Francesco D'Assisi" di Torre del Greco (NA).

In compagnia del Dirigente Scolastico Rosanna Ammirati e di una madrina d'eccezione quale il Consigliere Regionale Loredana Raia, gli alunni della "Don Bosco F.D'Assisi" hanno portato in dono uno splendido Cammeo su conchiglia Cassis Rufa, abilmente inciso a mano dall'artista Vittorio Farese, docente e referente della sezione ad indirizzo artistico del suddetto istituto torrese.

Il Cammeo, raffigurante San Francesco all'interno del Tau francescano, è stato ricevuto con grande sorpresa e piacere dal Direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi Padre Enzo Fortunato.

Ivan Guidone