Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

Scuola & Istruzione

Asilo nido a Cori (LT): per il prossimo anno ridotte a 25 euro le rette mensili

Per l’anno scolastico 2019/2020 verranno ridotte di circa 25 euro al mese le rette sostenute da tutte le famiglie per garantire la frequenza dei propri figli presso l’asilo nido comunale “Il Bruco Verde”. Il Comune di Cori infatti è stato ammesso al contributo regionale di circa 8.000,00 euro, da destinare all’abbattimento del costo della prossima iscrizione al servizio educativo pubblico per bambini da 0 a 3 anni, gestito dalla Cooperativa sociale Utopia 2000 Onlus. 

Le iscrizioni per la compilazione della graduatoria degli aventi diritto a frequentare la struttura sita in via Giacomo Ricci sono aperte. Possono essere iscritti i nati entro il 30 giugno, che non abbiano compiuto 3 anni, residenti a Cori con il proprio nucleo familiare. Le domande dovranno essere consegnate entro il 31 luglio. Il relativo avviso pubblico è consultabile sul sito istituzionale del Comune di Cori.

“Il Bruco Verde” rappresenta una delle migliori realtà provinciali del suo genere. I bimbi sono soggetti attivi e partecipanti, invitati ad esprimere attraverso una pluralità di linguaggi il loro modo di essere e di fare, all’interno di un ambiente pensato per andare incontro alle loro esigenze e per mezzo di una didattica innovativa, che comprende laboratori espressivi e ricreativi; corsi di inglese, di educazione al movimento e musica.  

“L’attenzione ai bisogni dei bambini e della famiglia sta a cuore alla nostra amministrazione – spiegano il Sindaco Mauro De Lillis e l’Assessore alle Politiche Sociali Chiara Cochi - Questo è il motivo che ci spinge a porre attenzione a tutte le iniziative che la Regione Lazio mette in campo a sostegno della famiglia e dei suoi bisogni. Questo bando ci è sembrato un ottimo strumento per agevolare economicamente tutte le famiglie che intendono iscrivere i propri figli presso il nido comunale “Il Bruco Verde” di Cori.”

Nino Graziano Luca alla Sapienza di Roma il 31 maggio per tenere la lezione “Corpo e Cerimoniale”

Il 31 Maggio scorso, Nino Graziano Luca sarà all'Università Sapienza di Roma in veste di docente, per tenere una lezione dal titolo “Corpo e Cerimoniale” all’interno del corso di Alta Formazione “Galatei e Buone Maniere – Percorsi nel Costume”; la lezione è stata organizzato dal Dipartimento SARAS (Storia, Antropologia, Religioni, Arte, Spettacolo della Facoltà di Lettere e Filosofia).

La società contemporanea è attraversata da profonde trasformazioni e processi di innovazione che incidono a livello politico, economico, culturale e sociale riscrivendo continuamente la vita quotidiana del soggetto nello spazio dei flussi della cosiddetta “networked society”. In particolare, la straordinaria intensificazione della connettività viene costantemente sperimentata nelle pratiche quotidiane degli individui fino a rendere oggi quasi indistinguibile il dominio delle interazioni comunicative dalle altre attività della vita professionale, familiare, personale. Di fatto, come individui, siamo immersi nel flusso della comunicazione, abilitata da tecnologie digitali sempre più pervasive, immersive e trasparenti. Tuttavia, queste innegabili potenzialità espressive e connettive “alla nostra portata” non sempre procedono di pari passo con una effettiva capacità nell’abitare con competenza all’interno di una realtà globalizzata, sempre più multilingue e multiculturale. La capacità di gestire e riorganizzare la relazione con l’alterità, di costruire e decostruire la differenza culturale, di definire gli spazi sociali, le appartenenze e i flussi, sembra costituire oggi, in particolare per le nuove generazioni, una competenza fondamentale nell’aprire o chiudere opportunità sia a livello professionale che personale. In questo senso l’etichetta e il galateo tornano ad essere oggi uno strumento strategico, fortemente valorizzato nei più diversi contesti sociali: la riscoperta delle buone maniere da adottare nei contesti relazionali rappresenta, infatti, una risorsa preziosa che consente all’individuo di adattarsi al cambiamento e di anticipare e prevenire le incomprensioni comunicative e di individuare percorsi di negoziazione dotati di senso.

Il corso di alta formazione in Galatei e Buone Maniere, promosso dal Dipartimento SARAS in partnership con l’Accademia Italiana Galateo, intende fornire le competenze teoriche e pratiche necessarie per muoversi con disinvoltura in qualunque contesto professionale e relazionale. L’impostazione del corso intende valorizzare tanto la dimensione storico culturale dell’etichetta e del galateo, quanto le più recenti riflessioni sul multiculturalismo e la mediazione interculturale, con un approccio alla comunicazione non solo come strumento ma come fine (comunicazione come condivisione). I partecipanti acquisiranno le competenze necessarie per approcciarsi correttamente al mondo del lavoro attraverso lo studio e l’acquisizione di un'ampia gamma di conoscenze che includono il linguaggio del corpo, le buone maniere, l’aspetto, le abilità interpersonali, il protocollo ufficiale e il galateo internazionale. Questa tipologia di competenze è particolarmente richiesta nelle aziende che operano a livello internazionale, nella filiera della moda, nella gestione degli eventi, nell’ambito della consulenza di immagine e del personal coaching.

Tra gli altri docenti che hanno tenuto i corsi: Raffaele Curi, Samuele Briatore, Barbara Ronchi della Rocca e Fabiana Giacomotti.

Open Day presso la Scuola dell’Infanzia “Sacra Famiglia” di Voghera (PV)

Il prossimo 4 maggio la scuola aprirà le sue porte alle famiglie di Voghera e dell’Oltrepò per presentare il progetto didattico educativo. La Scuola dell’Infanzia “Sacra Famiglia”, con sede in Viale Montebello 25 a Voghera, sarà aperta il prossimo 4 maggio dalle ore 15 alle ore 18: la struttura e tutto il personale scolastico saranno a disposizione delle famiglie interessate, che potranno conoscere l’offerta formativa per i loro piccoli.

La Scuola dell’Infanzia è parte dell’Istituto Paritario Sacra Famiglia (che comprende anche la Scuola Primaria, quella Secondaria di I grado e il Liceo Scientifico), si trova in un edificio con ampio salone, 4 classi, luminosa sala mensa e un bellissimo e curato giardino esterno con giochi per i bimbi.

Oltre alla didattica curricolare,verranno presentate le diverse attività laboratoriali: cucina,psicomotricità, musica e teatro, giardinaggio, lingua inglese e informatica. Saranno inoltre illustrate le uscite didattiche proposte durante l’anno. Si potranno altresì conoscere i progetti della sezione primavera per i bimbi dai 2 anni e quella del bilinguismo con docente madrelingua in collaborazione con la British School, inaugurata con grande successo all’inizio di quest’anno scolastico per venire incontro alle famiglie che desiderano offrire ai loro figli l’opportunità di apprendere la lingua inglese in tenera età; una proposta unica per la città di Voghera e per l’Oltrepò.

I servizi offerti alle famiglie includono inoltre pre e post scuola, centro estivo con piscina e ampio parcheggio interno.

«Con le insegnanti sarò felice di presentare la scuola ai genitori interessati con i loro piccoli, che potranno divertirsi fin già da subito con le attività proposte durante l’Open Day insieme ai bimbi ‘grandi’ dell’ultimo anno – spiega Suor Mariella, referente per la scuola dell’infanzia – ci sarà anche un piccolo Master ChefLab per tutti i piccoli ospiti, vi aspettiamo!»

Per maggiori informazioni: scuolesacrafamigliavoghera.it

I Licei della Comunicazione: quando la Scuola guarda al Futuro

Liceo Economico Sociale della Comunicazione, Liceo Classico della Comunicazione, Liceo Scientifico ad indirizzo Marketing e Comunicazione, Liceo Artistico Audiovisivo Multimediale, sono sono alcuni degli indirizzi scolastici innovativi che guardano al futuro della generazione dei cosiddetti “millennials”.

Il successo di questi istituti è partito dal nord per poi dilagare in tutto lo stivale, facendosi portavoce di un’esigenza emersa negli ultimi 5-10 anni, quella di comprendere, analizzare e saper usare al meglio gli strumenti comunicativi online e offline che nella loro repentina evoluzione, hanno cambiato e continuano a cambiare il panorama sociale e lavorativo internazionale. Un occhio di riguardo va ai linguaggi della comunicazione di massa, dalla storia del cinema a quella della televisione, dai quotidiani alla radio, con particolare rilievo nella trattazione, sia della comunicazione interpersonale e sociale sia delle ricadute socio-culturali ed economiche dell’innovazione tecnologica e delle nuove frontiere digitali quali: social media, web marketing, digital branding, storytelling, fake news, solo per citarne alcune.

In che modo le competenze conversazionali influiscono sul posto di lavoro, nella carriera e nello sviluppo personale? In che modo le capacità comunicative sono utili per gli studenti nell'istruzione e negli studi? Il filosofo e sociologo Zygmunt Bauman, uno dei più grandi accademici del nostro secolo, fautore del concetto di "società liquida", affermava che «Il fallimento di una relazione è quasi sempre un fallimento di comunicazione.»

Dunque è fondamentale saper comunicare e conoscere al meglio le dinamiche intrinseche della comunicazione verbale e non verbale, mediata e non, e le regole che costituiscono le basi gnoseologiche dei mass media, dall’ utilizzo allo scopo e alle implicazioni che hanno avuto nella storia e hanno ancora oggi, nelle loro migliaia di diramazioni, su ognuno di noi.

Buone capacità comunicative inoltre, aiutano anche umanamente lo studente dando fiducia e aumentando l’autostima. Le abilità comunicative migliorano la capacità di comprendere e condividere i sentimenti l'uno dell'altro e costruire forti relazioni. Non stupisce dunque il successo di questi licei all’ avanguardia che guardano al futuro donando agli studenti gli strumenti per approfondire il passato, capire il presente ed essere pronti per il domani.

(fonte immagine: it.freepik.com)

Salomone Ferri
salomoneferri@virgilio.it