Invio Comunicati Stampa e Notizie - WEBcomunicazioni.it
Invio Comunicati Stampa e Notizie

Sicurezza antincendio all'IP Security Forum di Napoli

NAPOLI – Soluzioni ed applicazioni all’interno di IP Security Forum, l’evento per eccellenza dedicato all’IP Security, che dopo il successo dell’edizione milanese – lo scorso 31 marzo – farà tappa a grande richiesta a Napoli, presso l’Expo Napoli Palazzo dei Congressi. Tra le novità già messe a punto a Milano, torna l’interessante focus sull’antincendio. Ad illustrare la tematica di grande interesse in una relazione dal titolo “La progettazione, installazione e manutenzione degli impianti di rivelazione ed allarme incendio a servizio degli edifici”, sarà Piergiacomo Cancelliere, Phd, Direttore Vice Dirigente del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
La progettazione della sicurezza antincendio di un edificio prevede misure di prevenzione e protezione. Le misure di prevenzione tendono a limitare la probabilità di accadimento di un incendio mentre quelle di protezione sono necessarie per limitare i danni e le conseguenze nel caso di un incendio. Fra le misure di protezione attiva più efficaci giocano un ruolo di primaria importanza gli impianti capaci di sorvegliare l’edificio in modo da accorgersi prima possibile di un incendio al fine di diffondere l’allarme ed attuare tutte le misure di contenimento per la gestione e risoluzione dell’emergenza in atto.
Questi sistemi sono gli “Impianti di Rivelazione ed allarme Incendio (IRAI)”. L’intervento si propone di illustrare i principi per la corretta progettazione degli IRAI, tenendo cono delle funzioni che sono chiamati a svolgere come sistema di sorveglianza e protezione contro gli incendi degli edifici.

Per le registrazioni è già attivo il seguente link:
http://www.ipsecurityforum.it/registrazione.asp

Simona Pulvirenti
simona.pulvirenti@hotmail.it

Cori (LT): cervelli in scena, Michela Corbi e lo studio dell’adolescenza

Verrà presentato un lavoro incentrato sull’osservazione dell’attaccamento in adolescenza, evidenziando i fattori di rischio e i fattori di protezione nelle situazioni di allontanamento dalla famiglia

Sabato 23 Aprile, alle ore 17:00, presso la Biblioteca civica Elio Filippo Accrocca, il quarto appuntamento con ‘Cervelli in Scena’, l’iniziativa promossa dalle Associazioni culturali ‘Amici del Museo’ e ‘Arcadia’, con il patrocinio del Comune di Cori e il contributo della BCC di Roma – Agenzia di Cori, per valorizzare la ricchezza culturale prodotta sul territorio attraverso le tesi di laurea, e condividere questo sapere con la comunità.
La dott.ssa Michela Corbi presenterà la sua ultima fatica alla Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, intitolata ‘Lo studio dell’attaccamento. Fattori di rischio e protezione nelle situazioni di allontanamento dalla famiglia’. Interverrà il dott. Roberto Caetani, musicoterapeuta, che porterà all’attenzione alcune esperienze cliniche. Al termine verrà offerto un buffet in collaborazione con Panificio Trifelli e Martufi di Cori.
La dott.ssa Michela Corbi, 29 anni, laureata in Neuroscienze Cognitive e Riabilitazione Psicologica nel 2011, sta frequentando l’ultimo anno della scuola di specializzazione in psicoterapia. Dal 2005 lavora con la Cooperativa Sociale Utopia 2000, principalmente presso l’asilo nido comunale di Cori ‘Il Bruco Verde’, di cui è l’attuale coordinatrice, dopo aver prestato servizio anche nelle Comunità per minori.
Michela Corbi parlerà del suo studio sperimentale incentrato sulla teoria dell’attaccamento dei figli ai genitori elaborata da John Bowlby, psicologo e psicoanalista britannico del ‘900, per esplorare i legami madre-bambino e le relazioni affettive all’interno della famiglia. Teoria che la dott.ssa Corbi ha osservato, con specifici strumenti, su due diversi campioni di soggetti, per individuare le differenze tra gli adolescenti che vivono nelle famiglie originarie rispetto a quelli che vivono in strutture residenziali.
Nello specifico, all’interno delle comunità per minori si assiste ad un progressivo allontanamento dell’adolescente dalle figure genitoriali e all’emergere di relazioni con gli educatori e soprattutto con i propri pari, che a differenza delle relazioni gerarchiche con i genitori, sono relazioni di tipo simmetrico, e perciò di cura e sostegno reciproco. ‘Cervelli in Scena’ torna il 21 Maggio con ‘Narrazione digitale e vissuti migratori. Digital Storytelling e pratica interculturale’ della dott.ssa Lavinia Bianchi.

Marco Castaldi
ufficiostampacori@gmail.com

Cori (LT): Velia Moroni presenta il suo libro "Semplicemente io..."

Una ragazza come tante. Una vita normale, il lavoro, la famiglia. Poi la malattia improvvisa e una lunga battaglia. Ma per vincere la guerra manca una cosa: donare un sorriso a chi sta ancora combattendo. Appuntamento venerdì 22 Aprile, alle ore 17, nella Sala Conferenze del Museo della Città e del Territorio.

Venerdì 22 Aprile, alle ore 17, nella Sala Conferenze del Museo della Città e del Territorio di Cori, Velia Moroni presenterà il suo primo libro ‘Semplicemente io … Per chi sa donare un sorriso’, edito da Omega Graf e lanciato da Barzilando. L’evento, patrocinato dal Comune di Cori, sarà condotto dall’attrice Silvia Moroni.
Una raccolta di poesie e racconti scritti in romanesco, dialetto che l’autrice ha avuto modo di apprendere ed amare fin da bambina leggendo Trilussa e poi praticare nella capitale durante i suoi anni di servizio presso nell’azienda dove lavorava fino al sopraggiungere della malattia.
L’aneurisma cerebrale che l’ha colpita la sera del 9 Maggio 2014 è il motivo ispiratore di quest’opera, scritta subito dopo la corsa al pronto soccorso dell’Ospedale Santa Maria Goretti di Latina e durante il ricovero al reparto di neurochirurgia, l’attesa per il delicato intervento al cervello e poi ancora la degenza e la riabilitazione terapica conclusa nel Febbraio di quest’anno.
Un fiume di emozioni impresse nero su bianco. C’è un’esistenza intera, la sua e di chi le stava accanto, vista con gli occhi e i sentimenti di chi combatte la battaglia decisiva, tra paure e speranze, con carattere e caparbietà, sorretta dall’amore dei propri cari, in particolare la figlia Chiara, giovane e coraggiosa, la prima a salvarle la vita chiamando i soccorsi e dandole la forza per resistere e non arrendersi.
Oggi Velia sta bene, ha ribaltato l’iniziale pronostico del 10% di probabilità di sopravvivenza, ma non dimentica quei momenti e le persone che le sono state vicine. Tra queste anche l’equipe medica e paramedica del Goretti, guidata dal primario neurochirurgo, il prof. Stefano Savino, coadiuvato dai colleghi Lecce, Rasile, Petrella e Franco, che hanno dato prova di professionalità e tanta umanità.
E neppure quei pazienti con i quali ha condiviso gioie e dolori e tutti quelli che ogni giorno debbono continuare a lottare contro il male della salute, ricercando in ognuno quel po’ di comprensione che dia un minimo di serenità. A loro Velia farà visita dopo la presentazione per donargli un sorriso, oltre ad una copia del libro – “solo se ci riuscirò, avrò vinto definitivamente questa guerra” – spiega Velia.

Marco Castaldi
ufficiostampacori@gmail.com

Gli Storici Sbandieratori delle Contrade di Cori in Marocco

Gli Alfieri coresi inaugurano il 40° anno di attività con la prima uscita internazionale, che li vedrà impegnati dal 19 al 22 Aprile alla 9^ edizione del Festival International du Théâtre Universitaire di Essaouria.

Sarà il Marocco la prima tappa internazionale del 2016 degli Storici Sbandieratori delle Contrade di Cori che quest’anno festeggiano il Quarantennale della loro fondazione. Dal 19 al 22 Aprile saranno protagonisti della 9^ edizione del Festival International du Théâtre Universitaire di Essaouria.
La manifestazione, organizzata dalla Facoltà di Scienze Giuridiche Economiche e Sociali dell’Università Cadi Ayyad di Marrakech, in collaborazione con altre istituzioni, tra cui il Ministero della Cultura, attrae ogni anno migliaia di visitatori, studenti universitari e artisti da tutto il mondo.
Un evento unico, che coniuga sapientemente il teatro, componente fondamentale della tradizione e della vita quotidiana marocchina, con le altre espressioni artistiche, in particolare la musica, la danza e il folklore, attraverso una serie di spettacoli, convegni, scambi di doni e incontri con le autorità.
Gli Ambasciatori della scuola di Bandiera corese, insieme ad altri 10 gruppi tra quelli locali, nazionali ed esteri, si immergeranno nell’atmosfera calda, luminosa e rilassata che aleggia sull’antica fortezza francese affacciata sull’Oceano Atlantico, la cui Medina sul mare è Patrimonio dell’Umanità Unesco.
Le insegne coi colori e gli stemmi della Cora rinascimentale, accompagnate da rulli di tamburi e squilli di chiarine, sono pronte a volteggiare per la prima volta nel Paese delle Rose, la quarta nel Continente Nero, dopo i successi riscossi in Sudafrica (2009), Algeria (2012) e Zimbabwe (2014).

Marco Castaldi
ufficiostampacori@gmail.com