Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

Lavoro & Finanza

Lavoro: Mariani e Mancini (CONFSAL) incontrano il Capo dell'INL Leonardo Alestra

Uno scambio di considerazioni tra i dirigenti sindacali ed il Direttore dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro. Mariani: «Visione condivisa del lavoro e dei suoi bisogni, aperta collaborazione.»

«È stato un momento all’insegna del confronto, dell’analisi e della tutela dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali nell’attuale panorama socio, economico e lavorativo.» Così il vice segretario generale della CONFSAL e segretario generale della FESICA Bruno Mariani a margine dell’incontro avvenuto a Roma il 14 Marzo scorso con il Generale Leonardo Alestra, Direttore dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Dumping contrattuale, misure più restrittive sul lavoro nero, reale rappresentatività sindacale, lotta al caporalato e disponibilità ad una fattiva collaborazione tra CONFSAL ed INL, sono stati alcuni dei temi trattati durante il ‘face to face’ a cui hanno preso parte anche il Direttore centrale ‘vigilanza, affari legali e contenzioso INL’ Danilo Papa ed il Consigliere CONFSAL Alfredo Mancini.

«L’occasione – affermano i dirigenti della Confederazione generale dei sindacati autonomi – è stata foriera di buoni auspici, unita non solo al ruolo dell'INL della tutela e della vigilanza, ma anche alla questione retributiva e contributiva dei lavoratori, insieme all’importanza della bilateralità e la collaborazione di INPS e INAIL nelle loro importanti funzioni. Siamo convinti che la strada tracciata finora dal Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, che ringraziamo per la piena disponibilità, sia quella giusta. Lo scambio di intenti di oggi – conclude Marianici confermano una visione del mondo del lavoro e dei suoi bisogni condivisa, che pone in essere oltretutto imparzialità nei confronti delle OO.SS. e supporto funzionale al Ministero del Lavoro.»

Uff. Stampa FESICA
ufficiostampa@fesica.it

Usura: la Regione Lazio finanzia lo Sportello Intercomunale Cori-Cisterna-Aprilia

50mila euro dalla Pisana per realizzare il Progetto “Insieme contro l’usura”. Il Comune di Cori è l’ente capofila distrettuale. Lo Sportello sarà gestito dalla Fondazione Wanda Vecchi Onlus.

La Regione Lazio ha finanziato con 50mila euro il Progetto “Insieme contro l’usura”, alla cui stesura hanno contribuito l’Assessorato alle Politiche Sociali e i Servizi Sociali del Comune di Cori, ente capofila, insieme a quelli di Cisterna di Latina ed Aprilia, i tre comuni dove opererà lo Sportello intercomunale Antiusura e Sovraindebitamento di prossima istituzione. Nel paese lepino verrà attivato nella struttura comunale distaccata di via Maestre Pie Venerini.

L’idea progettuale del Distretto LT1, punteggio massimo nella graduatoria finale, si basa su due principi. La prevenzione mediante informazione, orientamento, formazione, assistenza e prestazione di garanzia per chi si trova in condizioni di sovraindebitamento affinché tale situazione non li trascini verso l’usura. L’accoglienza come inizio di un percorso di accompagnamento verso un sistema di servizi, persone ed occasioni di incontro.

Lo Sportello Antiusura e Sovraindebitamento distrettuale Cori-Cisterna-Aprilia sarà gestito dalla Fondazione Wanda Vecchi Onlus, realtà impegnata sin dal 2000 nella lotta e nel contrasto all’usura su tutto il territorio regionale, e capace di riabilitare centinaia di soggetti - singoli individui, famiglie e microimprese - con aiuti economici concreti, grazie alla gestione delle garanzie a valere sul Fondo Nazionale Antiusura.

La sua realizzazione seguirà alcune fasi ben distinte. Dopo una prima ricognizione e valutazione degli utenti interessati dal fenomeno, ci sarà la loro presa in carico da parte di degli operatori specializzati in materia, che stileranno per ciascuno piani individualizzati alla cui implementazione seguirà un costante tutoraggio ed aiuto economico. L’ultimo step consiste nello sviluppo di una rete attiva di sostegno a favore delle famiglie vulnerabili.