Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

Ginevra e Virginia De Masi danzano la tarantella a Ischia

Ginevra e Virginia De Masi danzano la tarantella a Ischia

Ginevra e Virginia De Masi sull’isola di Ischia per danzare la tarantella sulle note del grande repertorio classico napoletano

Esaltare la cultura e lo stile della tradizione coreutica partenopea. Con questo spirito Ginevra e Virginia De Masi venerdì 5 luglio, ore 21:00, saranno le protagoniste di una serata danzante tra le atmosfere sognanti del prestigioso Hotel Terme Providence, a Forio d’Ischia.

Così, dopo il palcoscenico di Sanremo e Salsomaggiore adesso toccherà al paesaggio ischitano far da proscenio alla Tarantella, su musiche del repertorio classico napoletano, nella personale interpretazione delle gemelle della danza italiana, che fondono con garbata eleganza gli stilemi della tradizione folkloristica con le tecniche del balletto classico. Separate da percorsi professionali, con Ginevra a Milano e impegnata in eventi imminenti, le due ballerine non perdono mai occasione per riunirsi e condividere la scena.

Toccata e fuga dunque per Ginevra che il 14 luglio è impegnata al festival internazionale di Nervi. Ma non poteva certo rinunciare a un invito così speciale: danzare sotto il magico cielo di Ischia con la sua gemella, sulle note di una musica napoletana ormai amata in tutto il mondo. 
Intanto la tarantella fa il giro della penisola: lo scorso anno al Casinò di Sanremo, quest’anno a Salsomaggiore Terme con lo spettacolo su musiche napoletane ideato da Ilio Masprone e adesso ritorna quasi in patria, nella splendida isola di Ischia.

«La danza ci rende felici – spiegano Ginevra e Virginia- e in questo caso anche orgogliose di portare in giro per l’Italia una tradizione tutta partenopea. Veniamo entrambe da una formazione classica, dura sì, ma una delle poche a darti la versatilità di poter danzare davvero di tutto. Del resto la danza non può essere confinata in un singolo ambito. La contaminazione e la sintesi dei linguaggi sono il giusto tramite, per la veicolazione di un messaggio, a cui tutte le espressioni creative dovrebbero puntare. Il nostro personale augurio? Portare Napoli nel mondo, ma sempre in punta di piedi».

© webcomunicazioni.it. Riproduzione Riservata

← Torna alla Prima Pagina