Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni
Invio Comunicati Stampa Gratis

Eventi & Appuntamenti

Al Rome Independent Film Festival arriva il thriller "Scarlett" con Miriam Galanti, Ivan Castiglione e Loredana Cannata

Si terrà Giovedì 22 Novembre, alle ore 16:00, presso la sala 1 del Nuovo Cinema Aquila, l’anteprima nazionale del film “Scarlett”, regia Luigi Boccia, prodotto dalla DreamWorldMovies di Luigi De Filippis, in concorso al RIFF (Rome Independent film festival), organizzato dal Direttore Fabrizio Ferrari.

“Scarlett” è un on the road ambientato sulle strade italiane. Il sapore è quello del thriller psicologico ed è un omaggio a grandi capolavori del cinema come “Duel” di Steven Spielberg e “Christine” di John Carpenter. Infatti protagonista della pellicola, insieme a Giulia (interpretata da Miriam Galanti), è l’automobile che durante il viaggio sembra improvvisamente prendere vita imprigionando la guidatrice nell’abitacolo. Forse tutto questo è frutto dell’immaginazione di Giulia che, con tutte le sue forze, grida: «La macchina è viva!», o forse Giulia è la cavia di un esperimento ingegnoso ed agghiacciante per dimostrare che nell’epoca in cui viviamo gli oggetti ci controllano e ci possiedono, o forse l’automobile è davvero dotata di vita propria!

In sala sarà presente tutto il cast composto dalla protagonista Miriam Galanti, Ivan Castiglione, Loredana Cannata, Tetyana Veryovkina, Caterina Milicchio e Gianclaudio Caretta.

Al Portici Science Cafè, si parlerà de "Il pomodoro, ovvero la storia di un immigrato di successo"

Mercoledì 14 novembre alle ore 17:30, presso Villa Fernandes (bene confiscato alla camorra) in via Diaz, 144 a Portici (Na), nuovo appuntamento del 5° ciclo di incontri delPortici Science CafèL’incontro, dal titolo "Il pomodoro, ovvero la storia di un immigrato di successo”, avrà come ospite Luigi Frusciante, ordinario di Genetica agraria presso ilDipartimento di Agraria – Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Perché pomodoro e perché immigrato?

L‘ambiente di coltivazione può influenzare le proprietà organolettiche di un prodotto? Quale il ruolo del pomodoro nella dieta mediterranea?

Questo il focus dell’incontro del Portici Science Cafè, animato come sempre dall’ing.Vincenzo Bonadies,

Luigi Frusciante è professore ordinario di Genetica Agraria presso il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

La sua attività di ricerca è principalmente rivolta a studi di citogenetica, genetica e genomica che hanno contribuito ad approfondire le conoscenze genetiche di alcune Solanaceae (pomodoro, patata) e leguminose (pisello, cece) ed al loro miglioramento, con l'ottenimento anche di nuove varietà. Negli ultimi anni Luigi Frusciante e il suo gruppo hanno contribuito al sequenziamento del genoma di pomodoro e al risequenziamento di ecotipi di pomodoro campani (San Marzano e Vesuviano). È autore di oltre 190 pubblicazioni scientifiche e divulgative.

Il prossimo incontro del PSC si terrà il 12 dicembre e avrà come ospite il dott. Pietro Ferraro, direttore dell’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti "E. Caianello" (ISASI) del CNR di Pozzuoli.

L’ingresso è libero e gratuito. Media partner: Lo speaker's corner

Festival RIFF: Enzo De Camillis e le periferie abbandonate dalla Politica

Dopo una carriera trentennale tra scenografie e direzione artistica di eventi, la regia è con  la produzione, soprattutto concentrata sulla realizzazione di film e documentari di temi sociali sia in Italia che all'estero, sono l'impegno di Enzo De Camillis che non è certo nuovo al circuito dei festival. Tre anni fa, il suo lungometraggio Un intellettuale in Borgata con uno stupendo Leo Gullotta, ha viaggiato in lungo e in largo per i festival nazionali e  internazionali, con significativi successi, ricordiamo il premio Internazionale del Festival Omovis a Napoli e il premio Internazionale Libero Bizzarri, per poi approdare in città come Stoccolma nel 2015, Sofia, Lisbona nel 2016 fino a Buenos Aires 2017 e Santa Fe 2018, proiettato in Argentina in occasione della Mostra fotografica (grazie al Centro Sperimentale di Cinematografia) curata sempre dal De Camillis, dal titolo P. P. Pasolini Io So...

Il suo ultimo lavoro dal titolo, Le Periferie di Roma e il movimento democratico selezionato al Festival RIFF, sarà proiettato il 19 novembre alle ore 21:30 al Nuovo Cinema Aquila.

Ed è proprio il De Camillis da noi intervistato che ci racconta i suoi pensieri su questo suo ultimo lavoro: «​Inizio il mio racconto filmico con il primo bombardamento di Roma del 19 luglio del 1943 durante la seconda guerra mondiale, ad opera dei bombardieri americani, forze aeree alleate del Mediterraneo, guidati dal generale James Doolittle.

Il bombardamento fu eseguito la mattina con trecento bombardieri pesanti, quadrimotori Boeing B-17  e Consolidated B-24, seguiti nel pomeriggio da altri duecento bombardieri medi. L'attacco incontrò una debole resistenza; la città di Roma subì pesanti danni materiali e le perdite umane furono numerose. Il bombardamento di Roma suscitò grande scalpore ed ebbe importanti conseguenze militari e politiche, favorendo l'ulteriore indebolimento del regime fascista e accelerando la caduta di Benito Mussolini.

San Lorenzo fu il quartiere più colpito dal bombardamento degli alleati mai effettuato su Roma, insieme ad altri quartieri come Tiburtino, Prenestino, Casilino, Labicano,  Tuscolano e al Nomentano.  4.000 bombe (circa 1.260 tonnellate) sganciate sulla città provocarono circa 3.000 morti e 11.000 feriti, di cui 1.500 morti e 4.000 feriti nel solo quartiere di San Lorenzo.  Al termine del bombardamento papa Pio XII si recò a visitare le zone colpite, benedicendo le vittime sul Piazzale del Verano.

È da questo periodo storico che inizia il mio documentario con una Roma distrutta dalle macerie e una popolazione disperata, affranta e stanca della guerra. Ma con una voglia di crescere di ricostruire una città e un futuro grazie a una volontà di uomini politici e di una popolazione coraggiosa e forte nel ricostruire un futuro.

Un futuro che dopo la guerra ricordiamo con fatica e sacrifici ma con una continua crescita ricostruendo e seguendo le esigenze urbanistiche e sociali delle periferie, delle borgate dove l'emigrazioni di uomini e donne arrivati dai paesi limitrofi di Roma abitavano in baracche in quei quartieri bombardati durante la guerra o negli archi delle mura romane, per arrivare a gli anni '70 con i sindaci della svolta politica, G. Carlo Argan, Luigi Petroselli e Ugo Vetere.

Poi? Il consumismo e il potere della televisione privata degli anni successivi contamina non solo la popolazione con un appiattimento culturale e morale ma anche l'uomo politico che, distratto da altre esigenze ed equilibri politici, abbandona totalmente le periferie e le esigenze di chi vive nelle borgate.»

Questo è il vero tema del documentario, l'abbandono della politica e dell'uomo politico dalle periferie, uno spaccato della trasformazione dal dopoguerra a oggi tratto dal libro di Roberto Morassut "Le borgate e il dopoguerra", arricchito con immagini di archivio dell'Aamod grazie al suo Presidente Vincenzo Vita e con le testimonianze di personaggi politici che hanno vissuto nelle amministrazioni romane come l'ex sindaco Francesco Rutelli, lo stesso Roberto Morassut, per arrivare a Franca d'Alessandro Prisco (ex assessore), Marisa Rodano (ex parlamentare) e Antonello Falomi (ex assessore). Uomini e donne di sinistra che hanno governato Roma e che oggi sottolineano la mancanza della politica nelle periferie. Una ricerca della credibilità dal popolo delle periferie? Lo spero, convinto che il documentario storico serva a non dimenticare e a riflettere per far riflettere.

Al via l'VIII Edizione del concorso "Sorrento Danza International"

Mercoledì 7 Novembre 2018, alle ore 18:00, presso il Circolo Sorrentino sito in Piazza Tasso - Sorrento (NA), si svolgerà la conferenza stampa per l'ottava edizione della rassegna coreografica di danza dal titolo "Sorrento Danza International".

Il concorso, che avrà luogo dall'8 all'11 Novembre 2018 e che prevederà la partecipazione della Direttrice Artistica Amalia Wanderlingh (Fondazione Canadese Vancliffen Arts) e della giuria composta da: Janos Misurak, Lorena Coppola, Fabio Morfesi, Or Abuhav, Carla Coppola, Bruna Ferace, Emanuela Bianchini, Rosanna Filipponi.

Per ulteriori informazioni, potete contattare l'Ufficio Stampa del concorso:

Gigione Maresca​
(+39) 3383861840
gigionemarescaeventi@libero.it
gimaxitalia@gmail.com