Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

È uscito il libro "Gioco D’Amore a Sermoneta" di Angela Maria Tiberi

È uscito il libro

Entrare nel mondo della scrittrice Angela Maria Tiberi è come dissacrare un tabernacolo e mettere a nudo i suoi pensieri, il suo cuore, la sua anima. Il suo è un mondo interiore fatto di rapporti sognati e realistici dove la passione e l’amore si intrecciano a sciorinare un grande legame da lei vissuto e poi perso per strada non si sa bene come e perché. La sua prosa e le sue poesie si addensano in un vortice di desideri espressi e non mai raggiungibili per un amore grande, intramontabile ma univoco. Vale a dire che il mondo lei, la scrittrice, lo fa girare attorno a sé e canta le lodi e i desideri per un uomo che certamente è stato suo di fatto, ma ora è lontano, distante anche col cuore. È una situazione amorosa molto particolare. La Tiberi si paragona a Penelope che aspetta il suo amato Ulisse. Direi che Penelope amava intensamente il suo uomo. Sapeva o sperava che prima o poi il destino glielo avrebbe restituito e con le stesse armi dell’astuto marito, ricorreva all’espediente di tessere la tela di giorno e disfarla di notte per non arrivare a completarla. Completarla significava sposare uno dei Proci che infestavano ogni giorno la sua casa. I Proci aspettavano il giorno fatidico della tela ultimata per convogliare a nozze. Questa fu la promessa di Penelope onde poter procrastinare il giorno nuziale. Lei, Angela Maria, non si affida a nessun sotterfugio. Aspetta con grande speranza che l’amore unisca il suo cuore per sempre a quello dell’amato. È così unilaterale questo sentimento, che in molti suoi carmi poetici leggiamo che egli, il suo uomo, può anche volare di fiore in fiore come un farfallone, tanto la forza dell’indissolubile amore della nostra poetessa lo terrà sempre legato. La fiaccola olimpica dell’amore senza fine arderà perennemente nel suo cuore innamorato. L’amore cantato e sognato dalla Tiberi è qualcosa di sublime e inarrestabile. Non vede paratie e fossati insormontabili. Tutto travolge la sua brama d’amore e sogna nei suoi componimenti di stringere l’amato al seno e amarlo fino allo spasimo. Non importa se poi se lo ricorda lontano da lei e alle prese e alla conquista di tanti altri cuori di donne innamorate. Faccia ciò che crede, pensi a chi vuole, tanto l’amore vero e universale è quello che lei nutre nei suoi confronti e in cuor suo la forza di questo grande amore l’avrà vinta sugli eventi e sulle ritrosie di un uomo che forse ancora non soppesa l’importanza di essere amato da chi veramente dispensa passione vera e affetto grande. Tutto il suo lavoro letterario e poetico verte a suggerirci che l’amore è motore che fa girare l’Universo. L’Universo per Angela Maria è permeato di sentimenti sublimi e chi, come lei, sa individuarli non ha bisogno di essere amata da uomini carenti di questa stessa amplissima visione. Loro scambiano l’amore per futile rapporto di un’ora. Vanno a cercare il miele del piacere come la api succhiano nettare dai fiori. Il mondo sentimentale viene sublimato dai valori in cui la Tiberi crede e in nome di essi ama un uomo che fu tra le sue braccia un dì, ma che ora è solo una proiezione nel mondo dei sogni e dei desideri. Percepiamo chiaramente che Lui, l’amato, è soltanto idolo della realtà. Intorno alle fattezze fantomatiche dell’amato, della sua pseudo realtà, gira un mondo meraviglioso dell’immaginifico. La Tiberi ama appassionatamente il suo Adone fino allo spasimo e intesse su questo sentimento straordinario un canovaccio di un teatro ideale e idealistico che la porta a sognare. Spesso, però, soffre per una realtà effettiva che si distacca da quelle lusinghe del sogno. Di lì a poco si libra nuovamente tra le altissime, chiarissime nubi della speranza e si culla sulle infinite immensità dell’iperuranio… resta lì a favoleggiare sull’amore che investe il mondo intero e fa sì che chi lo condivide, non ha paura di perdere alcunché perché ha già nelle mani il talismano della felicità.

Pietrantonio Di Lucia (Critico letterario)

L'autrice

Nata a Pontinia (LT) il 25 settembre del 1951, docente di Economia aziendale in pensione, Angela Maria Tiberi ha ricevuto, tra il 2007 e il 2019, ben 256 tra premi e riconoscimenti da numerose accademie e associazioni culturali nazionali e internazionali. Tra le sue opere si menzionano L’Illusa del Castello, pubblicato in e-book con l’Istituto di Cultura di Napoli, Gioco d’amore a Sermoneta, pubblicato dall’Associazione Internazionale DILA, e diverse raccolte di poesie e racconti. È Presidente delegata Italia associazione internazionale Orchidea Latina e Presidente delegata Italia associazione internazionale DILA ISCHIA. Collabora con i giornali Free Lance International Press, Latina Flash, Altirpinia e Poeti nella Società.

© webcomunicazioni.it. Riproduzione Riservata

← Torna alla Prima Pagina