Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni

Comunicati Stampa

Il Comitato spontaneo antimafia "Livatino Saetta Costa" incontra il vice questore Manfredi Borsellino

C’è un legame molto forte che lega il Comitato spontaneo antimafia "Livatino Saetta Costa" alla famiglia Borsellino, e in particolare al figlio di Paolo Borsellino, Manfredi, vice questore aggiunto della Polizia, a capo del commissariato di Cefalù.
Già qualche mese fa il Comitato gli aveva consegnato il Premio Internazionale Livatino Saetta Costa, per le alte doti morali e umane, ma anche per onorare la memoria del magistrato Paolo Borsellino e stabilire così idealmente una continuità tra passato e presente.
E adesso il prof. Attilio Cavallaro, presidente del Comitato, ed il Prof. Avv. Corrado Labisi, presidente onorario, insieme con la dott.ssa Francesca Labisi ed il fotografo del Comitato Graziano Luciano Massimino, si sono recati presso il commissariato di Cefalù ad incontrare ancora una volta il vice questore Borsellino e fargli dono del libro denuncia “Noi, gli uomini di Falcone. La guerra che ci impedirono di vincere”, del generale dell'arma dei "Carabinieri Angiolo Pellegrini", il più stretto collaboratore del giudice Falcone, del quale custodiva tutti i segreti processuali e delle indagini che all'epoca portarono alle più importanti operazioni su Cosa Nostra.
Il dott. Manfredi Borsellino, nell'incontro durato oltre due ore, ha accolto con grande affetto gli ospiti, e dopo essersi detto felice nel ricevere il libro, ha elogiato l'attività del Comitato spontaneo antimafia, che nei suoi 22 anni di attività, ha sensibilizzato oltre 50.000 studenti delle scuole medie e superiori di tutta la regione, ritenendo prezioso strumento nella lotta alla mafia, la divulgazione attraverso una giusta informazione dei principi di legalità e giustizia sociale.
Durante la visita, il vice questore di Cefalù ha parlato al telefono con Angiolo Pellegrini, ricordando i momenti che il padre ha vissuto con il generale, tra i quali il viaggio in Brasile nel 1984, insieme a Falcone, Cassarà e De Luca, per interrogare il pentito Tommaso Buscetta: «Potevamo arrestarli tutti, mafiosi e pezzi infedeli dello Stato – scrive a questo proposito Pellegrini nel suo libro – ma qualcuno, in alto, si è tirato indietro sul più bello.»
Manfredi Borsellino ha poi espresso il suo personale augurio per la riuscita del prossimo imminente Premio Internazionale Livatino Saetta Costa.

Cori (LT): l'Accampamento di Giulianello ricorda Rino Gaetano nel 35° anniversario della sua morte

Giovedì 2 Giugno, dalle ore 18:00: omaggio all’uomo e all’artista; mostra fotografica/biografica d’archivio e concerto della tribute band Rino Gaetano Revisited
Giovedì 2 Giugno, l’Accampamento di Giulianello, centro socio culturale en plein air, situato sull’area verde comunale di Piazzale XI Settembre e gestito dall’associazione «Libero Pensiero», inaugura la sua programmazione estiva 2016 con un tributo a Rino Gaetano, nel giorno esatto del 35° anniversario della sua morte.
L’appuntamento è dalle ore 18:00, per ricordare insieme il cantautore calabro romano, con un omaggio innanzitutto all’uomo e poi all’artista. Presso la Sala Lettura ‘Gianluca Canale’ sarà possibile visitare la mostra biografica/fotografica d’archivio su Rino Gaetano. A seguire, intorno alle ore 21:00, il concerto dei Rino Gaetano Revisited, la tribute band giulianese che proporrà un middle dei grandi successi di Gaetano, rivisitati in chiave rock moderno con una libera interpretazione dei testi del genio di Rino.
Un evento all’insegna delle canzoni di Rino Gaetano e degli aneddoti sulla sua vita fatta di verità scomode e bavagli. Quella di Rino Gaetano è stata una scomparsa prematura, per molti ancora avvolta nel mistero, da lui quasi fatalmente predetta 11 anni prima nella canzone ‘La Ballata di Renzo’ e fortunatamente scampata solo 5 mesi prima.
Era il 2 Giugno 1981, intorno alle 4 del mattino, e il trentenne Rino Gaetano, stava tornando a casa con la sua auto, dopo una serata nei locali romani. Percorreva via Nomentana quando, all’incrocio di via Carlo Fea, cadde con la testa sul volante, l’auto sbandò e invase la corsia opposta impattando contro un camion. Rino batté violentemente la testa contro il vetro e perse i sensi.
Il cantautore giunse in coma con l’ambulanza al Policlinico Umberto I, che non poté accoglierlo, non avendo un reparto di traumatologia cranica. Quindi la disperata corsa contro il tempo per trasferire Rino in un ospedale meglio attrezzato. Ma, misteriosamente, nessun ospedale di Roma aveva un posto disponibile. Abbandonato a se stesso, senza cure adeguate, Gaetano esalò l’ultimo respiro alle 6 del mattino.

Apre domani "IP Security Forum Napoli" all'Expo Napoli Palazzo dei Congressi. C'è ancora tempo per registrarsi

NAPOLI – Dopo giorni di attesa, apre domani a Napoli IP Security Forum, l'evento per eccellenza dedicato all’IP Security. Grandi novità e tante conferme in un format riformulato in base alle proposte e alle indicazioni offerte dagli esperti intervenuti alle precedenti edizioni.
Luogo deputato Expo Napoli Palazzo dei Congressi (Stazione Marittima).
Dalla gestione di dispositivi di sorveglianza video e controllo accessi, alla protezione delle infrastrutture Critiche, dalle certificazioni delle figure professionali, alla privacy, uno dei temi più scottanti nell’ambito della videosorveglianza, all’antincendio, uno dei focus più apprezzati di IP Security Forum nell’ultima edizione milanese.
Punto di riferimento per la crescita e l’aggiornamento dei soggetti interessati all’IP Security – installatori, system integrator, progettisti e utenti finali – la rassegna prosegue di anno in anno il proprio percorso di miglioramento, con il contributo dei numerosi partecipanti, sempre più coinvolti, insieme a sponsor e relatori, nella definizione di un evento a misura di convegnistica ed esposizione.
Il programma completo è on line al link:
http://www.ipsecurityforum.it/index.asp?id=35
Mentre per le registrazioni è ancora attivo il seguente link:
http://www.ipsecurityforum.it/registrazione.asp

Cori: Francesco Frasca e Luigi Pianelli Campioni Italiani di Bodybuilding

I due bodybuilder coresi hanno trionfato ai Campionati Italiani di Bodybuilding WBPF, rispettivamente nella categoria Bodybuilding fino a 75 kg e nella categoria H/P fino a 180 cm. Prossimo appuntamento al Rimini Wellness per il Campionato Italiano AINBB. A Luglio Francesco riproverà a conquistare il Mister Universo IBFA.
La Città di Cori ha due nuovi Campioni Italiani di Bodybuilding Natural. La premiazione domenica 22 Maggio al Palazzetto dello Sport di Terracina, dove si sono svolti i Campionati Italiani di Bodybuilding WBPF - World Bodybuilding & Physique Federation – una delle federazioni più importanti di tutto il mondo.
La Fight Club Frasca era presente con gli atleti Francesco Frasca e Luigi Pianelli, reduci dai primati di poche settimane fa nella Coppa Italia di Fiuggi. Facile vittoria per Luigi Pianelli nella categoria H/P fino a 180 cm, agevolata dal ritiro dell’altro finalista, che gli ha spianato l’accesso diretto all’assoluto H/P dove si è potuto confrontare con gli altri vincitori della sua categoria.
Accesissimi invece i confronti sul palco nella categoria Bodybuilding fino a 75 kg, la più numerosa della serata, che ha visto trionfare Francesco Frasca, che per poco non è riuscito a bissare il successo anche nell’assoluto BB, a seguito di un’infuocata battaglia a suon di pose tra tutti i detentori della categoria Bodybuilding.
Dopo queste affermazioni Francesco e Luigi si preparano al prossimo impegno ufficiale del 4 Giugno, che li vedrà protagonisti al Campionato Italiano AINBB – Associazione Italiana Natural Bodybuilding - all’interno della fiera Rimini Wellness. A Luglio inoltre Francesco è atteso a Sapri per il Mister Universo IBFA – International Body Building & Fitness Association – dove nel 2015 è arrivato 2°.