Comunicati Stampa e Notizie: invio gratuito di Comunicati e News - WEBcomunicazioni.it
Comunicati Stampa e Notizie: invio gratuito di Comunicati e News

Archivio agosto 2018

Carosello Storico dei Rioni di Cori (LT): Porta Signina si aggiudica il Palio di Sant’Oliva

Porta Signina vince il Palio di Sant'Oliva 2018. Tenendosi incollati ai rivali di Porta Ninfina, costantemente avanti seppur di poco, i quattro cavalieri gialloverdi (Oreste Agnoni, Luigi Macale, Emanuele Carpineti, Luigi Paolo Zampini) hanno interrotto il digiuno in corso da qualche anno riportando la vittoria alla loro contrada e conquistando il palio realizzato dall’artista Alessio Pistilli, omaggio al professore Francesco Porcari, scomparso lo scorso novembre.

Il risultato finale ha dunque visto Porta Signina a 10 anellli, Porta Ninfina 9 e Porta Romana 4.

Prima della disputa del torneo il corteo in abiti rinascimentali ha percorso il centro storico della città partendo da piazza Signina e arrivando al campo di gara di Stoza.

Premiati dal Sindaco Mauro De Lillis, dall’Assessore alla Cultura Paolo Fantini e dal Presidente dell’Ente Carosello, Maria Teresa Luciani, i vincitori del concorso "Cori - Strade, piazzette e vicoli in fiore”: 1° classificato – comitato di quartiere di via della Repubblica, 2° classificato – Raffaella De Cave, 3° classificato – Rosaria Ducci.

Si conclude così con tantissime presenze questa edizione del Carosello, soddisfatto il Sindaco Mauro De Lillis che plaude alla manifestazione e ai volontari: “Cori città del Carosello Storico dei Rioni. Lo abbiamo visto ieri sera e nelle settimane precedenti. Questo è sì un evento culturale di rilievo, ma soprattutto una tradizione profondamente sentita dai coresi. È infatti una città intera che si identifica con il Carosello Storico: Cori È anche il Carosello. E ciò che più di ogni altra cosa lo contraddistingue è che riesce a unire storia, cultura, arte e popolo. Perché il Carosello Storico è una festa di popolo e per il popolo. Lo dimostra il fatto che non solo arriva a raccogliere più di 4.000 persone paganti in due appuntamenti, ma è in grado di coinvolgere tanti volontari di tutte le età. Ieri sera –aggiunge il primo cittadino - abbiamo chiuso l’edizione 2018 con un bilancio assolutamente positivo, forte di una grande partecipazione. Non è mancato l’omaggio a un grande artista, un pezzo della storia culturale di questa città e della storia dello stesso Carosello: Francesco Porcari. Doverosi infine i ringraziamenti a chi ha permesso tutto questo: l’Ente Carosello, il suo presidente Maria Teresa Luciani, i comitati di Porta, i figuranti, i cavalieri, gli sbandieratori e tutti i volontari. Voglio ringraziare chi ha cucinato, chi ha servito ai tavoli delle taverne, chi ha messo a disposizione il suo tempo e la sua fatica per montare le porte e che lo farà di nuovo per smontarle, chi ha caricato, scaricato, chi ha organizzato i giochi popolari, chi si è occupato dei costumi, delle acconciature e di ogni dettaglio, chi ha collaborato nei vari modi in cui ha potuto. Grazie ragazzi. Il Carosello è vostro”.

Dal Celebrity Centre di Firenze, una campagna informativa sui pericoli delle droghe

Lo scorso 9 agosto, i volontari del Celebrity Centre della Città di Firenze hanno distribuito nel centro della capitale toscana degli opuscoli informativi sulle droghe. Questa attività rientra in una campagna mondiale di informazione sui pericoli delle droghe portata avanti dalla Chiesa di Scientology.

I volontari del Celebrity Centre hanno distribuito ben 13 diversi tipi di opuscoli informativi, uno per ogni diverso tipo di droga tra le più diffuse al giorno d'oggi.

Il dibattito culturale sui media si divide attualmente tra i fautori della liberalizzazione di alcuni tipi di droghe, e fra chi invece vorrebbe reprimere ancora più duramente l'uso e il commercio illegale. Resta il fatto che, entrambe le strategie, non fanno niente per lavorare alla radice del problema, ovvero la richiesta di droga da parte soprattutto dei giovani. Finché ci sarà una richiesta, questa verrà soddisfatta in qualche modo, legale o illegale, e la salute fisica e mentale dei nostri giovani continuerà ad essere in pericolo.

La campagna "La Verità sulla droga" della Chiesa di Scientology punta quindi alla prevenzione del fenomeno tramite l'informazione. È​ ormai ampiamente dimostrato che un giovane che ha le corrette informazioni sugli effetti delle droghe, molto difficilmente cadrà nell'errore, a volte fatale, di farne uso.

"Alcuni pensano, a torto, di 'stare meglio', o di 'agire meglio' oppure di 'essere felici solo' quando assumono droga. Questa è solo un'altra illusione. Prima o poi la droga li distruggerà fisicamente." L. Ron Hubbard

YICCA 2018: anche quest'anno un'opportunità per gli artisti iscritti al prestigioso concorso d'arte

L’obiettivo del concorso YICCA 2018 è quello di promuovere gli artisti iscritti, dando la possibilità agli stessi di entrare a far parte concretamente del mercato dell’arte contemporanea internazionale. Internazionalità e networking rendono YICCA un’immensa opportunità per gli artisti iscritti, che potranno:

  • vincere un premio in denaro:
    • premio in denaro al primo selezionato Euro 3000,00
    • premio in denaro al secondo selezionato Euro 1000,00
  • vincere una residenza artistica:
    • 1 art residence in Italia - valore Euro 1800,00 
    • 1 art residence in Cile - valore Euro 1800,00
  • promuovere la loro arte tramite numerosi canali:
    • presentare le opere d’arte selezionate presso lo spazio espositivo stabilito da concorso​
    • arricchire il bagaglio relazionale tra artisti finalisti e critici, curatori, galleristi, istituzioni artistiche pubbliche e private che avranno accesso alla importante esposizione
    • accedere alla massima visibilità possibile attraverso la campagna pubblicitaria che seguirà il concorso in tutte le sue fasi

DATE e SCADENZE

  • 3 maggio 2018: apertura delle iscrizioni
  • 25 settembre 2018: termine delle iscrizioni
  • 30 ottobre 2018: comunicazione delle opere vincitrici
  • gennaio 2019: mostra finale

La selezione della giuria porterà all’individuazione di 18 artisti che parteciperanno all’esposizione finale presso Presten Gallery, sede del Croatian Association of Fine Artists, a Zagabria a gennaio 2019.

Sono ammesse tutte le tipologie di opera d’arte, compresi i video, le installazioni e le performance. Tutte le opere saranno presentate tramite un’immagine o un video e un testo descrittivo dell’opera stessa. Tutte le opere devono essere disponibili per l’esposizione finale, devono inoltre essere di proprietà dell’artista che le propone. Il concorso è rivolto a tutti gli artisti o gruppi di artisti, professionisti e non provenienti da qualsiasi paese del mondo. Non sono previste qualifiche particolari per l’iscrizione.

Tutte le informazioni sui termini e le modalità di iscrizione si possono trovare sul sito ufficiale https://yicca.org/it/subscribe

Nino Graziano Luca conduttore della XV edizione del Premio Letterario “Giuseppe Tomasi di Lampedusa”

​Sarà il giornalista, regista e autore radiotelevisivo Nino Graziano Luca a condurre la XV edizione del Premio Letterario “Giuseppe Tomasi di Lampedusa”, sabato 4 agosto alle ore 21 in Piazza Matteotti. Accanto a lui l’attrice e conduttrice Roberta Giarrusso.  Tra gli ospiti della serata Giancarlo Giannini e Noemi.

A vincere quest’anno il premio letterario è lo scrittore Fernando Aramburu per il romanzo “Patria” (Guanda Editore). A sessant'anni dalla prima pubblicazione de Il Gattopardo, Santa Margherita di Belìce con a capo il Sindaco l’Avv. Francesco Valenti e l’Assessore Rosanna Scarpinata, si prepara ad accogliere lo scrittore basco e nomi importanti del panorama italiano, volti noti del cinema, della televisione e della musica. Sul palco della città agrigentina, cara a Tomasi di Lampedusa, la cantante Noemi, una delle voci più graffianti e intense del panorama musicale italiano, con all’attivo 6 album e collaborazioni di rilievo (tra cui Vasco Rossi, Gaetano Curreri, Fiorella Mannoia). L’artista, attualmente impegnata nelle principali città italiane nella promozione del suo ultimo album La Luna (Sony Music), contenente il brano “Non smettere mai di cercarmi”, con cui ha partecipato alla 68° edizione del Festival di Sanremo, interpreterà alcuni dei suoi brani più famosi.

Ospite d’onore l'attore Giancarlo Giannini che leggerà alcuni passi tratti dal romanzo Il Gattopardo. L’attore che con la Sicilia ha un legame assai profondo, nella nostra isola girò nel 1972 uno dei suoi film più noti “Mimì metallurgico ferito nell’onore” diretto da Lina Wertmuller.

La direzione artistica della serata è di Onorio Abruzzo.

Nino Graziano Luca vanta un curriculum di tutto rispetto: è dal 1989 Presidente e Direttore Artistico della Compagnia Nazionale di Danza Storica nonché docente di Storia della Moda, Moda Contemporanea e del master in Fashion Management, all’Accademia Euromediterranea di Moda ed insegna anche Design 2 allo IED. Dal 2008 organizza, inoltre, l’evento di moda World of Fashion in calendario all’Alta Roma nei mesi di gennaio e luglio.

Dal 2009 conduce il PREMIO CURCIO PER LE ATTIVITA’ CREATIVE, nello stesso anno è stato autore del libro Gran Balli dell’800. Da Via Col Vento al Gattopardo pubblicato dall’Armando Curcio Editore con due cd, foto e dipinti nel quale propone il risultato dei suoi vent’anni di studio in tutta Europa sul tema della Moda, Danza, Bon Ton tra il tardo ‘700 e gli inizi del ‘900. Un libro che ha ricevuto prestigiosi encomi nonché i patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Ambasciata d’Austria ed è stato presentato tra l’altro alla Camera dei Deputati ed all’Ambasciata d’Austria.

Nel settembre 2016 è stato designato vincitore del Premio Europeo “Il Genio e le Invenzioni” per la geniale intuizione nella fondazione della Compagnia Nazionale di Danza Storica, emblema della cultura italiana che eccelle. Un riconoscimento voluto all’unanimità dal Comitato organizzatore, da Gaia Maschi Verdi -pronipote del celebre musicista Giuseppe Verdi e presidente della Verdi Official Foundation – e da Augusto Biagi, ideatore della Mostra di Leonardo.

Da Febbraio 2018 è membro del CID - Consiglio Internazionale della Danza UNESCO - del quale anche la Compagnia Nazionale di Danza Storica è membro istituzionale ufficiale.

Ha, inoltre, condotto con grande successo il programma radio “La dolce vita, il racconto di un mondo: la Nobiltà ed il Jet Set oggi, intervistando illustri personalità amanti del Bello, straordinari conservatori del prestigioso patrimonio architettonico e culturale.

Prossimamente Nino Graziano Luca sarà impegnato con la Compagnia Nazionale di Danza Storica  allo Sferisterio di Macerata durante  il prestigiosissimo “Macerata Opera Festival”.

 

La Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca, incontra la Grande Opera sabato 11 agosto allo Sferisterio di Macerata

L'idea di coniugare la strepitosa TRAVIATA di Henning Brockhaus diretta da Keri – Lynn Wilson con il GRAN BALLO DELL'800 diretto da Nino Graziano Luca allo Sferisterio di Macerata è di Barbara Minghetti e Nino Graziano Luca e sarà allestita sabato 11 agosto 2018 per il Cartellone del prestigiosissimo "Macerata Opera Festival".

I partecipanti al Ballo, dopo una Promenade per le vie del Centro di Macerata, saranno accolti allo Sferisterio per un Welcome Cocktail e prenderanno poi posto in Platea per assistere a La Traviata di Henning Brockhaus, diretta da Keri – Lynn Wilson, con la meravigliosa scenografia degli specchi di Josef Svoboda, l’Orchestra Regionale delle Marche ed il Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”.

Al termine de La Traviata, alle 23.30, inizierà il Gran Ballo vero e proprio con il Maestro di Cerimonia Nino Graziano Luca. Decine di coppie composte da straordinari ballerini (provenienti da molte città italiane e da alcune capitali europee) in eleganti frac e preziosi abiti crinolina eseguiranno meravigliosi Valzer, Quadriglie, Contraddanze, Mazurche tratte dai manuali dei più celebri maestri del XIX secolo e dai più incantevoli film in costume calcando il prestigioso palcoscenico dello Sferisterio di Macerata che negli anni ha visto esibirsi Luciano Pavarotti, Katia Ricciarelli, Renato Bruson, Montserrat Caballé, Placido Domingo, Josè Carreras, Raina Kabaivanska.

Le ragioni dello straordinario incontro tra lo SFERISTERIO e la COMPAGNIA NAZIONALE DI DANZA STORICA sono molteplici e vanno dallo storico al contemporaneo. Lo Sferisterio fu infatti inaugurato nel 1829 come sede per uno degli sport più in voga del tempo - il gioco della palla col bracciale – ma è documentato che nel corso del XIX secolo ospitò giostre, parate equestri e moltissimi Balli e per questo motivo, volendo rinverdire una tradizione tipica di questo luogo, la direzione del Macerata Opera Festival ha immediatamente contattato la Compagnia Nazionale di Danza Storica. Una scelta legata non solo al curriculum della CNDS ma anche ai temi della programmazione artistica dello Sferisterio 2018 intitolata VERDE SPERANZA e proiettata a promuovere “l’arte della speranza […] piantando nuovi semi per un futuro migliore […] che intrattenga uno stretto rapporto con altre realtà che si occupano di questi temi, dialogando intorno alla sostenibilità tramite   l’interazione tra cultura, natura e territorio”.

La Compagnia Nazionale di Danza Storica da sempre, non è solo una compagnia di danza. È soprattutto un modo di essere. È l’espressione dell’arte della speranza, contraddistinta dall’amore per il Bello, ponendo la massima attenzione alla cura delle relazioni umane e del rapporto armonico tra uomo-natura e uomo-cultura, il tutto all’interno di una cornice e di un paradigma di lettura della tradizione e del passato in costante, proficuo dialogo, con l’attualità e la contemporaneità.

Il recupero del passato in Compagnia Nazionale di Danza Storica (messo al servizio in circa trent’anni delle iniziative più variegate di promozione culturale e tutela ambientale) non cede mai il passo ad una lettura romantica e nostalgica della storia e dei fatti ma li ri-significa nel presente, senza perdere di vista gli ideali di pace, giustizia, tolleranza, coesione e inclusione sociale, amore per la natura, alla base della Civiltà europea. Ogni Spettacolo ma anche ogni Gran Ballo non ripropongono dunque solo un sapere di tempi lontani ma tendono a condividere principi e valori dal cui rispetto dipende anche il nostro presente ed il nostro domani.