Invio Comunicati Stampa Gratis - WEBcomunicazioni
Invio Comunicati Stampa Gratis

A Giulianello (LT), la XXVI rassegna di oralità contadina “Il Lago InCantato”

Il Lago InCantato

Domenica 9 Settembre, a Giulianello, la XXVI rassegna di oralità contadina che celebra la musica popolare. Tra le iniziative in programma dell’evento conclusivo della VII edizione del PÉ Ì NDÓ - Festival di musica, radici e sentimenti impopolari – la consegna del Premio Raffaele Marchetti a Marco Omizzolo e lo spettacolo di e con Ascanio Celestini e Giovanna Marini, “Racconti e Canzoni”.

Domenica 9 Settembre, presso il Monumento Naturale Lago di Giulianello (LT) si svolgerà a la XXVI rassegna di oralità contadina che celebra la musica popolare “Il Lago InCantato”, atto conclusivo della VII edizione del PÉ Ì NDÓ - Festival di musica, radici e sentimenti impopolari - organizzato col sostegno del Comune di Cori, Rete Di Imprese e SPRAR. La giornata avrà inizio alle ore 09:30 con la pulizia della strada Doganale e sarà allietata dal Coro delle Donne di Giulianello, con interventi di musicisti, cantori, poeti e artisti del territorio. Il pomeriggio, alle ore 16:00, l’incontro pubblico per fare il punto su “La lotta contro l’autostrada Roma-Latina e Cisterna-Valmontone”.

Alle ore 18:30, a Piazza Umberto I, la consegna del Premio Raffaele Marchetti, istituito in memoria dell’avvocato giulianese, tra i massimi esperti in usi civici e diritto agrario, studioso della cultura popolare e contadina locale, creatore de “Il Lago InCantato” e autore della poesia PÉ Ì NDÓ. Ne sono destinatari coloro che, nel corso del tempo, si sono distinti per azioni nell’ambito della legalità, della tutela e della valorizzazione ambientale, della salvaguardia e della promozione del patrimonio storico, culturale e paesaggistico nelle Province di Latina e Roma. Il riconoscimento verrà assegnato quest’anno a Marco Omizzolo, per il suo impegno contro lo sfruttamento e il caporalato.

Alle ore 22:00 lo spettacolo di e con Ascanio Celestini e Giovanna Marini“Racconti e Canzoni”- per parlare di lavoro, immigrazione, guerra e pace, solidarietà e indifferenza. In un tempo invaso dalle immagini provocanti della pubblicità e da quelle scandalose della politica, immagini affascinanti usate per vendere prodotti e chiedere voti mescolando tutto in uno stesso gioco... in questo tempo presente cerchiamo di rimettere in fila le parole per continuare ostinatamente a dire le cose – si legge nella nota di presentazione dell’iniziativa che chiuderà la manifestazione PÉ Ì NDÓ 2018, con il suo programma dieventi ad ingresso gratuito.

© webcomunicazioni.it. Riproduzione Riservata

← Torna alla Prima Pagina